Google+

Calcio a 5, Maritime Augusta regola Assoporto Melilli

Seconda uscita stagionale per il Maritime Augusta che vince al PalaJonio 5-2 contro l’Assoporto Melilli (formazione di Serie B). Rispetto alla gara di una settimana addietro sono cresciuti i ritmi della squadra del duo Cabral-Everton al cospetto di un avversario che non ha mollato di un centimetro sino ai secondi finali. Fra i padroni di casa a riposo precauzionale Putano, Follador, Simi e Manservigi.Inizia alla grande il Maritime chiamando agli straordinari il portiere ospite che nega ripetutamente il vantaggio; sull’altro fronte Bocci si crea e spreca l’opportunità di portare in vantaggio l’Assoporto. Il Maritime sblocca il risultato, poco dopo, con Crema che conclude un’azione corale; i biancoblu alzano il ritmo, creano ancora occasioni e raddoppiano con Zanchetta che griffa una conclusione all’incrocio.La ripresa si apre con la rete dell’Assoporto, firmata da Gianino (2-1); il Maritime prosegue applicando i dettami voluti dal due Cabral-Everton e allargando lo score con Spampinato e Mancuso (4-1).

Il risultato cambia ancora con Rizzo che accorcia le distanze (4-2). Negli ultimi cinque minuti il Maritime si schiera col portiere di movimento mettendo sotto pressione la difesa ospite e siglando la quinta rete con Selucio.
“Stiamo crescendo ma dobbiamo continuare a lavorare per iniziare la stagione al meglio. – ha detto Thiago Bissoni del Maritime – Sappiamo che fare bene subito non sarà semplice, la concorrenza non manca, ma tutti i giocatori che sono qui hanno giocato nelle squadre più forti d’Europa”.

Per Everton-Cabral il commento è sereno“Stiamo lavorando secondo la tabella di marcia che ci siamo imposti affinché ad inizio campionato la squadra sia pronta. L’amichevole ha dato i riscontri positivi che ci aspettavamo. Nelle prossime settimane – proseguono Everton e Cabral – il lavoro sarà incentrato più sull’aspetto tecnico-tattico”.

F. G.  

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

*