Google+
Il magistrato Giancarlo Longo

L’ex pm Giancarlo Longo per 6 ore davanti al gip

Si è sottoposto a un interrogatorio fiume il magistrato Giancarlo Longo, ex pm a Siracusa, coinvolto nell’inchuesta della Procura di Messina. 6 ore di colloquio con il gip di Messina, Maria Vermiglio, avvenuto nel carcere di Poggioreale dove è detenuto da martedì. Il magistrato, accusato di associazione a delinquere, falso e corruzione ha spiegato la propria posizione finendo per avere anche dei momenti di sconforto. Per l’avv. Candido Bonaventura, l’intera vicenda per Longo è vissuta come un’umiliazione, difendendosi da tutte le contestazioni e si è difeso da tutte le contestazioni. Tra le tesi accusatorie il fatto che il magistrato abbia ricevuto denaro. Ma Longo ha sostenuto che i soldi sarebbero stati un regalo dei suoceri come proverebbero gli estratti conto prodotti. «Il legale spiega come ci sia una corrispondenza di somme e date che non si riscontra tra i prelievi fatti da chi, secondo i pm, lo avrebbe remunerato e i versamenti del magistrato.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

*