Google+

Noto, cade dalla scala per sostituire lampadina: imprenditore denunciato

I poliziotti del commissariato di Noto, hanno denunciato I. E. ( classe 1957), di Noto, imprenditore, per i reati di lesioni personali colpose e violazione della normativa sulla sicurezza nei luoghi di lavoro. Il fatto è accaduto il 10 novembre  quando intorno alle 17 i poliziotti sono intervenuti al Palazzo municipale di Noto, dove era stato segnalato un infortunio sul lavoro. Dalle sommarie informazioni, i poliziotti hanno appreso che il titolare di una ditta, unitamente a tre dipendenti, si recava nella sede comunale per lavori di sostituzione di alcune lampadine. Uno degli operaio di 35 anni saliva su una scala in alluminio dell’altezza di 5 metri in uso alla ditta, che veniva poggiata sulla parete al fine di evitarne lo scivolamento e sorretta a mano da altro operaio.

Pochi minuti dopo, l’operaio per aiutare un altro dipendente della ditta ad estendere una seconda scala, si allontanava lasciando la presa della prima scala che, per il poco attrito col pavimento in marmo, scivolava causando la rovinosa caduta dell’operaio. L’’operaio infortunato, durante i lavori, non indossasse alcuna imbragatura di sicurezza né casco protettivo. Il titolare della ditta non aveva dato alcuna informazione su eventuali pericoli derivanti da quel tipo di intervento, né sulle misure di sicurezza da adottare per prevenirli e non aveva redatto alcun POS (piano operativo di sicurezza).

Gli agenti effettuavano anche dei rilievi fotografici per attestare i rilevanti danni degli arredi di elevato pregio storico in stile Luigi XV e liberty, provocati dalla caduta della scala. Ultimati gli accertamenti investigativi, essendo emersi elementi di responsabilità a carico del titolare della ditta, quest’ultimo veniva convocato in Commissariato e deferito in stato di libertà per lesioni colpose e violazione della normativa sulla sicurezza nei luoghi di lavoro.

 

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

*