Google+

Orgoglio, commozione e dignità ai funerali di Ciccio Abela

“La morte di Ciccio Abela è stata una carezza del Signore, a lui e alla sua famiglia.” Sono parole di padre Pippo Lombardo durante l’omelia che ha accompagnato l’ultimo saluto all’attore siracusano, prematuramente scomparso. La cerimonia funebre si è svolta alla chiesa del Carmine, parrocchia alla quale Ciccio Abela era legato sin da bambino, ma niente di funebre c’è stato durante la celebrazione. E’ sembrata quasi una festa, sobria, ma serena nel celebrare l’estremo saluto ad un uomo molto amato e stimato a Siracusa.

Sottoufficiale dell’esercito in pensione, appassionato di sport, ma soprattutto attore con la compagnia “Piccolo teatro aretuseo”, presente al completo alla messa di ieri, Ciccio Abela si è spento a 61 anni dopo aver lottato lungamente contro un male che, alla fine, lo ha sconfitto. Davvero toccanti le parole che gli ha dedicato il figlio Martino, giocatore dell’Ortigia di pallanuoto e allenatore della squadra ragazzi, presenti insieme ai suoi compagni della prima squadra. Parole di serenità dettate dal cuore colmo di orgoglio e felicità per aver avuto un simile padre. Un lungo scrosciante applauso ha abbracciato il saluto del giovane Martino al padre, in una chiesa stracolma per l’occasione.

Così come pieno di dignità è stato il dolore della figlia, Margherita e della moglie Alda Altamore, Segretario generale della Fpl Uil e ispettore dei vigili urbani. Alda si è stretta ai suoi figli, circondata anche dal calore di una folta rappresentanza della Uil e del corpo della polizia municipale. Il fratello Concetto, parenti, amici, tutti i presenti si sono stretti in un unico immenso abbraccio a Ciccio Abela e alla sua famiglia.

“Se oggi siamo qui così tanti, significa che Ciccio ha seminato bene nella sua vita”, sono state le parole conclusive di padre Lombardo che hanno racchiuso nel migliore dei modi il ricordo e la figura umana che è stata nella sua esistenza, Ciccio Abela”.

Salvo Trombatore

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

*