Google+

Palermo. La Commissione Attività Produttive dell’Ars incontra i vertici dell’Ias

Durante l’incontro, che si è svolto ieri a Palermo, si è parlato delle varie tematiche del piano industriale della società che gestisce il depuratore consortile di Priolo Gargallo. Riunione che l’onorevole Giovanni Cafeo definisce: “Importante confronto, che seguiremo con attenzione tutti gli sviluppi.

Nell’incontro avvenuto nella tarda mattinata di ieri, dichiara ancora Cafeo, “…abbiamo ascoltato in Commissione Attività Produttive i soci pubblici e privati della società Industria Acqua Siracusana in merito al piano industriale previsto per il futuro dell’impianto”.

Giovanni Cafeo, segretario della III   Commissione ARS Attività Produttive, ha aggiunto: “Anche se nei fatti non si è potuto discutere nel merito del piano industriale dell’IAS dato che il Dirigente Generale dell’Irsap, ha reso noto ai presenti che sono in corso di svolgimento tutti gli atti propedeutici all’emanazione di un bando pubblico per la gestione dell’impianto di depurazione di Priolo.

“Anche a seguito dell’intervento dell’assessore alle Attività Produttive, l’On. Turano – continua l’On. Cafeo – abbiamo convenuto insieme ai presenti di aggiornarci a breve per verificare le condizioni di un accordo tra tutti gli azionisti, al fine di trovare finalmente la quadra e immaginare per l’Ias una gestione più snella, di tipo manageriale”.

“Si è trattato di un ulteriore passo avanti nel confronto con il Governo verso la risoluzione della vicenda – conclude l’On. Cafeo – ma resta inteso che la Commissione Attività Produttive seguirà con attenzione tutti gli sviluppi futuri, avendo come unico obiettivo non la definizione della governance, ma anche il funzionamento e l’efficienza dell’impianto IAS, a tutela dell’ambiente e dei posti di lavoro”.

Nelle tematiche dell’Ias si deve aggiungere la formalizzazione delle quote proprietarie della parte pubblica della società consortile, erroneamente accreditare all’Irsap; in pratica erano e sono ancora dell’Ex Consorzio Asi di Siracusa in liquidazione. Un fatto che ha creato tanti veleni e ritardato l’approvazione del bilancio e la paura della messa in liquidazione della società. Ora si aspettano le prossime mosse, tra dubbi, silenzi, sussurra e grida per un futuro tutto in salita per l’attuale gestione tra tanti progetti, finora tutti naufragati.

Concetto Alota 

 

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

*