Google+
A sinistra, Giusy Valenti

Priolo, Giusy Valenti: “Complimenti a Gianni e agli eletti”

Mentre ieri sera il neo sindaco di Priolo, Pippo Gianni, ha ringraziato gli elettori con un comizio in piazza, oggi si registra un commento al voto da parte della docente Giusy Valenti, candidata alla poltrona di sindaco di Priolo.

“In soli tre mesi – dice Valenti – dopo che alcune forze politiche, da parecchi anni (chi tre anni, chi cinque), hanno proposto le loro candidature a Sindaco in una logica di chiusura o di visione puramente politica, guardando più agli interessi dei partiti nazionali o di gruppo, che a quelli della nostro amato paese, abbiamo sentito il dovere civico di offrire una visione nuova ai cittadini, a partire dal mondo del lavoro, delle professioni, delle categorie produttive, delle associazioni, del volontariato e da tutti coloro che hanno a cuore l’esclusivo interesse della nostra comunità attraverso il nostro programma finalizzato a rilanciare l’esigenza di buone idee, di metodo, di cultura di governo, del senso forte delle istituzioni. La politica nelle amministrative è sembrata ritrarsi di fronte all’aggressività e alla pervasività di altre forme di potere, come quella finanziaria e quella mediatica.Attraverso una campagna elettorale serena e cordiale mirata all’attacco solo dei contenuti degli altri miei competitor ho voluto trasmettere il messaggio che è essenziale lavorare tutti insieme per il bene comune. E’ questa la base del buon governo della città, che la rende bella, sana e accogliente, crocevia di iniziative e motore di uno sviluppo sostenibile e integrale. Una volta alla cultura,alla individuazione dei problemi, alle risposte da dare a questi temi c’erano le scuole di partito, c’erano i grandi elaboratori di cultura e moralità tipo La Fuci, e l’Azione Cattolica , c’erano i corsi per negoziatori dei contratti nazionali di lavoro che gestivano sindacati e confindustria. Occorre rilanciare i diritti della buona politica, la sua indipendenza, la sua idoneità specifica a servire il bene pubblico, ad agire in modo da diminuire le disuguaglianze, a promuovere con misure concrete il bene delle famiglie, a fornire una solida cornice di diritti – doveri. Complimenti agli eletti, ma riteniamo di aver raggiunto in soli tre mesi un ottimo risultato che non disperderemo. Elogio ai vinti, ai coraggiosi, agli umili e ai generosi che hanno dato senza ricevere, ma per questo non disperano. Lavoriamo lo stesso tutti per il paeseAbbiamo bisogno di idee e passione civica”.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

*