Google+

Siracusa: tra parcheggi e strisce blu e i contrasti nella maggioranza al Vermexio

Secondo alcuni addetti ai lavori, si celerebbe una profonda spaccatura della maggioranza al Vermexio. Sotto l’ombra della gestione della sosta e dei parcheggi pubblici a pagamento da affidare ai privati, ci sarebbero contrasti e malintesi, ma anche tattiche politiche e interessi.

Il 4 agosto scorso, la Giunta comunale ai minimi numeri di maggioranza consentiti e formati da 5 presenti: Giancarlo Garozzo, Giovanni Sallicano, Salvatore Piccione, Gianluca Scrofani e Roberta Boscarino, e 4 assenti: Francesco Italia, Antonino Moscuzza, Pietro Coppa e Silvia Spadaro, ha esaminato la proposta contenuta nella deliberazione n. 172 del 18 luglio scorso, del Settore mobilità e Trasporti, che richiamatone la parte motiva, veniva così integralmente a ogni effetto recepito e fatto proprio il contenuto.

Il riferimento della limitata presenza dei componenti della Giunta al Vermexio, ha fatto riferimento alla delibera del consiglio comunale del 05 maggio del 2017, con l’approvazione del regolamento generale della sosta e dei parcheggi pubblici a pagamento. Un passaggio per altre vie, dove alla fine si vuole concedere più semplicemente ai privati il servizio della gestione delle strisce blu e dei parcheggi (solidamentum), escluso quello di via Von Platen; fatto più volte ventilato e sempre respinto sia ai cittadini sia dalle opposizioni al Vermexio; ma ora anche da parte di un gruppo di opposizione abbastanza qualificato e importante per il proseguimento della tornata amministrativa di questa Giunta.

Nella forma, la frequente attenzione è riferita alla finalità di voler ottimizzare e potenziare il servizio, rispetto alle criticità rilevate. Una sorta di copia incolla a ripetizione da quando per la prima volta si cominciò a parlare di strisce blu e parcheggi da affidare ai privati. Un “full service” completo, fino alla quadra del fatto; ma, tutto appare nebuloso e scandaloso, proprio in virtù di un passato, dove ancora la vecchia gestione non avrebbe regolato “i vecchi conti” con il comune di Siracusa, in un’accusa e difesa a vicenda che dura ormai da anni.

L’atto d’indirizzo della “mezza Giunta comunale”, si limita a dare mandato al dirigente del Settore Trasporti di individuare un nuovo modello per la gestione dei parcheggi e delle strisce blu. Ma l’interesse insistente e continuato per la questione strisce blu e parcheggi, per qualcuno potrebbe nascondere interessi diffusi tra la maggioranza in consiglio comunale; il ragionevole dubbio, affida il fato a ben quattro consiglieri di maggioranza hanno deliberatamente incrociato le braccia, dichiarandosi contrari con motivazioni di alta levatura politica, nonché con le minacce di chi, forse, conosce i “fatti reconditi” e non vuole essere tirato in ballo, o nella mischia che dir si voglia, secondo lo schema di una politica trasparente. “I parcheggi e le strisce blu rimangano un servizio comunale; siamo contrari all’affidamento tout court ai privati”. Così tagliano corto e a brutto muso i 4 consiglieri comunali della maggioranza, Alfredo Foti, Francesco Pappalardo, Gianluca Romeo e Stefania Salvo, nettamente contrari al progetto di affidare una parte del servizio ai privati.

“L’assessore – dicono i quattro consiglieri “dell’apocalisse”– trovi le risorse finanziare e umane per rendere efficace il servizio o si dimetta! Siamo contrari, e più volte le motivazioni le abbiamo ripetute chiaramente in Consiglio Comunale, è un servizio che molti comuni ad esempio Avola gestiscono in House con profitto e rendendo un buon servizio. É una fonte di entrata importantissima per le disastrate casse Comunali, il comune di Siracusa ha oltre 800 dipendenti di cui almeno 30 sono ausiliari della sosta; è un servizio che può e deve funzionare. Le risorse e le potenzialità ci sono tutte, è solo questione di volontà politica. Conosceremo le reali intenzioni dell’Amministrazione solo con l’attenta analisi della nota di aggiornamento al DUP, dal momento che il Dirigente dei Servizi Finanziari ha ritenuto di ritirare il DUP 2017/2019; di fatto, a oggi, nessun consigliere comunale conosce i programmi di Sindaco e Giunta, ma ai molti sta bene così, in un silenzio imbarazzante e mortificante”.

Infine, giusto per la cronaca, c’è da registrare che per ben due volte qualcuno bene informato ha fatto scattare l’interessamento della Procura sull’affaire strisce blu e parcheggi. Il resto sarà la storia.

Concetto Alota

 

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

*