Google+

Siracusa, rete idrica amianto: nel 2015 l’interrogazione del consigliere Sorbello rimase senza risposta

Il consigliere comunale Salvo Sorbello già nel novembre del 2015, a seguito dell’articolo pubblicato da queste colonne,  interrogava l’Amministrazione per sapere se risponda a verità che, in occasione di lavori effettuati nei giorni scorsi nel tratto stradale antistante alla presunta Tomba di Archimede, sarebbe stata provocata la rottura di un tubo dell’acquedotto, che si sarebbe trovato ad una profondità inferiore a quella prevista dalle norme.

Il Consigliere comunale chiede inoltre di sapere se il tubo in questione è costruito in eternit e, se fosse vero, se ciò comporta possibili conseguenze per la salute dei fruitori dell’acqua che scorre all’interno.

Sorbello torna inoltre a chiedere all’Amministrazione notizie sul Piano Comunale Amianto, previsto dalle leggi e la cui predisposizione è stata dallo stesso consigliere Sorbello più volte sollecitata.

“È indispensabile – afferma Sorbello – combattere questa fibra killer, che continua purtroppo a provocare malattie e morti, soprattutto nella nostra zona; servono quindi misure concrete ed efficaci per la salvaguardia della salute della popolazione”.

Ma, come di norma, tutto finì nel dimenticatoio. Nell’oblio, dove sono accatastati una montata di malefatte contro gli interessi della popolazione da parte del governo pro-tempre della città di Archimede.

Concetto Alota 

Un commento

  1. Come per la zona industriale che da decenni indisturbati ci avvelenano in qualsiasi modo, anche la storia della rete idrica e fognaria in amianto è tutto nella norma!! Propongo di far bere ai signori politici solo acqua di rubinetto, vediamo quanto durano.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

*