Google+

Siracusa Risorse, Filcams denuncia: “Contratto capestro”

I punti essenziali delle critiche sollevate dalla Filcams sul caso Siracusa Risorse sono quelle di un contratto capestro per l’anno 2018, che ha tutte le caratteristiche di un contratto sottocosto, che rischierebbe di portare Siracusa Risorse al dissesto e quindi alla conseguente chiusura secondo i termini di legge, che prevede che una società in house per mantenersi deve avere i bilanci in attivo.

I tre milioni previsti dal bilancio di previsione del Libero Consorzio, a stento riescono a coprire i costi del personale e le spese vive della società per il suo mantenimento; il calcolo del costo del lavoro è stato ampiamente sottodimensionato in tutti i settori dove è stato previsto il numero di lavoratori da occupare, ma di più, sono stati previsti oneri a carico della società in house, di fatto non quantificabili, e che possono essere invece pretesi dai dirigenti del libero consorzio. Nell’ambito del servizio di manutenzione stradale, a fronte di un canone di circa 120mila euro, è previsto in caso di incidente o altro entro due ore dalla chiamata la responsabilità civile per danni a cose di Siracusa Risorse anche in caso mancato tempestivo intervento.

Nell’ambito del diserbo stradale, la quantificazione delle risorse destinate, è stata calcolata su una media di produzione mensile di circa 67 km/mese, senza tenere assolutamente conto del costo del personale che dovrebbe essere impiegato per una così alta produttività.

Se è vero che l’attuale media di produzione nel diserbo è di circa 40 km/mese, all’aumento della produttività si aggiunge una serie di lavori attualmente non previsti che determinano un ulteriore onere per la Società in House. “Firmando il contratto – dice il segretario della Filcams, Stefano Gugliotta a queste condizioni, si determinerebbero di fatto le condizioni per il default di Siracusa Risorse già per l’anno corrente”.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

*