Google+

Villa Reimann, affidati i lavori di manutenzione

Sono stati affidati i lavori di manutenzione straordinaria di villa Reimann. L’intervento straordinario attiene alla necessitò di eseguire i lavori in quanto con gli acquazzoni la situazione è peggiorata. La somma stanziata per l’intervento è di quasi 45mila euro e i lavori sono stati affidati alla ditta Dienne Appalti di Siracusa.

L’intervento riguarda anche la riparazione degli infissi e il recupero della dependance, atteso che sono comparse delle crepe alle pareti. Una parte della somma riguarda anche il ripristino della scala esterna, ceduta da qualche anno.

Com’è noto, nel 1979 Christiane Reimann lasciò la villa al Comune di Siracusa perché la destinasse a “perenne sede di attività formative ed educative, manifestazioni culturali di rango universitario o di elevato interesse intellettuale. “Una donazione – dice Marcello Lo Iacono, coordinatore del comitato Save Villa Reimann – alla quale la Reimann giunse con travaglio, dovendo decidere se destinare il bene ai nipoti o al Council di Ginevra della Croce Rossa o al Comune di Copenaghen.

“Oggi più che mai è necessario che vengano rispettate fedelmente le richieste testamentarie – dice Lo Iacono – la villa deve essere destinata secondo le finalità testamentarie. In quest’ottica si inserisce la richiesta, avanzata da tanti cittadini, di trasferirvi l’archivio storico della Città, attualmente abbandonato in uno scantinato, che possa fornire quel presidio di personale necessario al suo rilancio e contribuire così al decoro della villa nel suo complesso. Occorre, insomma, fare avvicinare i cittadini a quel bene patrimoniale immenso, cominciando, ad esempio, ad aprire il giardino alle visite dei cittadini”.

Si inserisce in quest’ottica la programmazione di alcune manifestazioni d’intrattenimento artistico e musicale che dovrebbero vedere la luce nel mese di dicembre nella villa di via Necropoli Grotticelle.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

*