Home / Se te lo fossi perso / Attualità / Scuola dell’infanzia, Siracusa subisce un taglio di 17 posti comuni

Scuola dell’infanzia, Siracusa subisce un taglio di 17 posti comuni

Le organizzazioni sindacali di categoria protestano per l’annuncio del taglio di posti nell’organico della scuola dell’infanzia. I rappresentanti sono stati convocati dal Dirigente dell’UTP di Siracusa per l’informativa sull’organico di diritto della Scuola dell’Infanzia 2016/17.  Le organizzazioni sindacali Cgil, Cisl e Gilda sono state ricevute dal responsabile del settore che ha comunicato ai presenti i dati relativi all’Organico di diritto della scuola dell’infanzia.

Dalla riunione si prende atto che la provincia di Siracusa ha subito un taglio di 17 posti comuni, a fronte di una popolazione scolastica pari a quella dell’anno precedente (9529 alunni circa) e di una distribuzione dei posti, a livello regionale, anche questa, pari all’anno precedente (da 894 a 877). Non è finita! Per il sostegno sull’esigenza e sulla richiesta da parte dei Dirigenti Scolastici di circa 100 posti, è stata effettuata una riduzione di circa il 50%, rispetto all’a.s. 2015/16 . Di fatto ….. cos’è successo? Il sindacato lamenta: 1. la mancata convocazione da parte di molti Dirigenti Scolastici della RSU e delle organizzazioni sindacali firmatarie per la dovuta informativa preventiva di tale organico; 2. la superficialità, da parte di alcuni Dirigenti Scolastici, nel definire l’organico ridotto che conseguentemente provoca: perdenti posto, abbassamento del livello culturale dell’utenza, nonché disservizio e difficoltà alle famiglie; 3. l’incongruenza nella formulazione dell’organico per la costituzione dei posti ad orario normale e ad orario ridotto; esempio: su 6 posti, 4 sono ad orario normale e 2 ad orario ridotto.

“Paradossali – è scritto in un documento diffuso alla stampa – le lunghe liste d’attesa per l’ingresso dei nuovi piccoli allievi, presenti in molti istituti comprensivi del comune capoluogo, non affrontati adeguatamente dai Dirigenti Scolastici e dall’amministrazione scolastica locale. Alla faccia del confronto con le realtà del nord Italia. Certamente questa inaccettabile situazione sarà denunciata a tutti coloro che hanno competenza per ripristinare e restituire il diritto a un organico giusto anche nella nostra provincia.

Informazioni su Redazione

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

*