Home / Se te lo fossi perso / Attualità / Polstrada, il programma della 16ma edizione Progetto “Icaro”

Polstrada, il programma della 16ma edizione Progetto “Icaro”

anche quest’anno, nell’ambito della 16° edizione del Progetto Icaro, promosso dal Ministero dell’Interno insieme al Ministero dell’Istruzione ed alla Polizia di Stato e con la collaborazione di numerosi Enti e Fondazioni, questa Sezione è stata in prima linea nell’organizzare alcune importanti iniziative, finalizzate soprattutto a diffondere la cultura della legalità e della sicurezza stradale tra i giovani nella provincia di Siracusa, che saranno realizzate alla presenza del Direttore Centrale per la Polizia Stradale, Ferroviaria, delle Comunicazioni e per i Reparti Speciali della Polizia di Stato, Roberto  Sgalla.

Il 17 e 18 maggio presso il largo XXV Luglio  sarà realizzato il Parco scuola denominato “Mi muovo in sicurezza”, svolto in un’area appositamente attrezzata, che consentirà ai ragazzi, accompagnati dagli operatori di polizia e dai rispettivi insegnanti di acquisire le principali regole del Codice della strada e di verificare il grado di conoscenza di queste ultime; in questo modo i piccoli partecipanti sperimenteranno“dal vivo” ed  attivamente cosa significa muoversi in sicurezza e correttamente su un percorso urbano ed extra urbano attraverso l’utilizzo dei vari mezzi di movimento, indossando le necessarie protezioni individuali, rispettando le segnaletiche verticali ed orizzontali.

In proposito, grazie alla sensibilità dimostrata dal Direttore Regionale dell’ANAS di Palermo Ing. Eutilio Mucilli, verrà progettato ed approntato un itinerario, realizzato dai tecnici del predetto Ente in largo XXV Luglio, con l’ausilio degli agenti della Polizia Stradale, dove i bambini, applicandosi direttamente in questo mini percorso,  si cimenteranno con i  segnali stradali, nelle intersezioni, nei semafori, nelle strisce pedonali ecc.  ed apprenderanno, così, dalla viva voce degli operatori di Polizia come comportarsi quando da adulti si troveranno a bordo di un veicolo e come difendersi nelle situazioni di pericolo, rispettando le norme. In tale circostanza saranno allestiti gli stand espositivi ed approntati i giochi didattici dedicati ai bambini, che parteciperanno alla iniziativa. Il predetto Parco mobile, ha dichiarato il Direttore Regionale dell’ANAS, Eutimio Mucilli, sarà allestito dalla stessa ANAS, curando in particolar modo l’attenzione alla compatibilità dei materiali con la sicurezza dei piccoli utenti.

L’ANAS presenzierà alle attività di educazione stradale assicurando, tramite il personale di esercizio incaricato, la costante manutenzione del parco stradale e, tramite il sussidio dei propri tecnici, l’assistenza al personale della Polizia Stradale.

Al termine delle attività, i ragazzi usufruiranno di un laboratorio attrezzato con materiali tecnici e video, per costruire in modo collettivo giochi e oggetti legati al tema della sicurezza stradale e per apprendere, così, le principali norme di autotutela, che vanno sempre utilizzate in strada, al fine di difendere la propria e l’altrui incolumità.

La finalità della citata iniziativa, che costituisce una novità rispetto alla programmazione degli anni precedenti,  sarà quella di promuovere tra i bambini, che frequentano il ciclo della scuola dell’obbligo, la conoscenza e la pratica di una mobilità sicura e sostenibile, per educarli insieme e con l’aiuto dei loro insegnanti e degli operatori di Polizia ad una nuova cultura della sicurezza stradale e della mobilità in generale.

Sottolineo che alla citata iniziativa parteciperanno oltre venti Istituti scolastici di Siracusa e provincia, coinvolti in modo capillare da questo Ufficio, i cui professori referenti  accompagneranno i rispettivi scolari,  guidando  complessivamente oltre 2000  studenti delle prime, seconde e terze classi della scuola primaria nei vari momenti  della manifestazione.

Inoltre, in occasione dello svolgimento del Parco scuola sopra esposto, sempre nelle  giornate del 17 e 18 maggio 2016 verrà messo a disposizione degli alunni  delle scuole elementari di Siracusa il “Pulman Azzurro”, che segue il giro ciclistico d’Italia  attrezzato con sei postazioni informatiche. Sarà possibile, così, visionare i molteplici dispositivi tecnologici in dotazione alla Polizia Stradale e verrà  messa in mostra  anche  l’autovettura della Polizia di Stato “Lamborghini Hurracane”, in dotazione alla Polizia Stradale di Roma, impiegata nei servizi di controllo della velocità mobili e nei servizi di  trasporto di organi e plasma, oltre che negli ordinari servizi di vigilanza stradale.

In questa edizione del Progetto Icaro la Sezione Polizia Stradale di Siracusa non si è limitata soltanto a curare l’aspetto educativo-formativo della manifestazione in argomento,  ma porrà l’attenzione anche sull’aspetto culturale ed informativo dell’evento, organizzando un convegno sul tema della viabilità, rivolto agli ingegneri, agli architetti ed agli studenti della Facoltà di Architettura dell’Università di Catania con sede a Siracusa, nonché ad alcune classi di Istituti scolastici prescelti.

Nello specifico, lo scrivente promuoverà una conferenza,  d’intesa con la Prof.ssa Rosalba Panvini, Soprintendente per i Beni archeologici e culturali di Siracusa, indetta per giorno 17 maggio 2016 alle ore 10.30  presso la sala convegni “San Zosimo” del Palazzo Arcivescovile di Siracusa, dal titolo: “A dorso di un mulo o in sella ad una moto… la sicurezza e l’accessibilità dei viaggiatori dall’antichità ai nostri giorni in una mobilità sostenibile .”, alla quale parteciperanno nella veste di relatori illustri professori e studiosi della materia provenienti da varie Università Italiane ed i cui lavori saranno conclusi dal Direttore Centrale della “Specialità” della Polizia Di Stato,  dr. Roberto Sgalla.

Durante la conferenza, oltre alla dotta e circostanziata esposizione di nozioni tecniche, storiche, ambientali, di costume, riguardanti il tema della viabilità, verranno messi a raffronto il sistema viario degli antichi romani, quello relativo al  periodo di transizione tra l’antichità e l’epoca moderna,  che è stato il Medioevo, il sistema delle strade del secolo dell’Illuminismo, il 1700,  e del secolo 1800, durante il quale è avvenuta la “Rivoluzione Industriale”, che ha interessato anche i trasporti ed i commerci, rispetto al sistema viario attuale.

Verrà allestita anche una  mostra fotografica, dal titolo “Altra strada non c’è”, curata dalla Sezione Polizia Stradale, che si terrà dal 14 al 21 maggio 2016 all’interno della Sala “Caravaggio” della Soprintendenza ai Beni Archeologici ed ambientali di Siracusa, sita in Piazza Duomo, con orario di apertura dalle ore 9.00 alle ore 13.00 e dalle ore 15.30 alle ore 19.30.

La citata iniziativa, avente un valore storico-documentale e di testimonianza,  rappresenterà un percorso fatto di ricordi e di emozioni e sarà l’occasione per raccontare, attraverso le immagini, insieme alla storia della Polizia Stradale, quella del nostro Paese dal secondo dopoguerra ad oggi.

Verranno  esposte 50 fotografie raggruppate secondo un percorso ideale sul filo conduttore di temi, che hanno in comune la lettera alfabetica “S”: Sicurezza, Solidarietà, Soccorso, Stragi, Sport, Scuola, Speed, Star, Santità e Scorte.

Le immagini illustreranno il lavoro quotidiano della Polizia Stradale, imperniato sulla prevenzione, sull’intervento ed il soccorso e documenteranno tutti i servizi, finalizzati a garantire la sicurezza della circolazione e le attività che hanno contribuito a costruire l’identità di un Paese, che nel periodo preso in esame, cresceva nei settori dell’economia, del lavoro, della cultura e nelle istanze sociali e racconteranno lo sforzo compiuto dalla Istituzione teso a creare una rete, intessuta costantemente, per garantire la migliore prossimità della Polizia di Stato con le istanze del cittadino in viaggio.

Tale lavoro ha reso la Polizia Stradale sempre pronta ad affrontare le grandi emergenze, che ripetutamente hanno colpito il nostro Paese, tra terremoti, alluvioni e nevicate, con interventi, che hanno fatto guadagnare alla Specialità della “Stradale” cinque medaglie d’oro al merito e al valor civile dal 1966 ad oggi.

Informazioni su Redazione

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

*