Home / Cultura / Noto, Good Vibes: street art event tra sport, musica ed innovazione sociale

Noto, Good Vibes: street art event tra sport, musica ed innovazione sociale

Il Centro Sportivo Palatucci in contrada Zupparda è stato al centro di più manifestazioni fortemente volute dall’organizzazione socio-culturale Live Experience di Carmelo Toro e dalla Cooperativa sociale onlus O.R.O., che da qualche mese si è aggiudicata il bando di gara per la gestione dall’area sportivo-ricreativa in questione, con il patrocinio del Comune di Noto e la collaborazione del Quadrilatero e di Farm Cultural Park di Favara. Nell’ ottica di innovazione sociale e rigenerazione urbana, il pomeriggio ha avuto come preludio l’inaugurazione dei murales realizzati da giovani Street Artists, sotto la direzione artistica del writer Salvo Muscarà, con il compito di dare, con la loro arte, nuova vita e colore alle pareti esterne della tribuna dello stadio. I Writers che hanno partecipato sono stati: Giovanni Andolina, Stefano Selvaggio, Cristina Burla, Doriana Pagani, Ipostorici Paint con Fabio Santuccio e Annarella, Vladyart.
Subito dopo torneo di calcio per bambini con la partecipazione di Fair Play Uliveto Portopalo, Atletico Avola e River di Noto. Un ringraziamento particolare per l’ottima riuscita della competiazione sportiva, con decine e decine di mini calciatori che hanno potuto calcare il green che ospita le gare interne del Noto Calcio, a Paolo Musso e all’arbitro Francesco Carnemolla. Successivamente, grazie alla partnership con il ristorante Il Quadrilatero “Good vibes”, questo il nome dato dall’intera manifestazione, si è spostato proprio nell’elegante struttura prospiciente lo stadio, nata dall’idea di imprenditori illuminati di valorizzare e dare nuova dignità ad un’area che si presentava piuttosto malandata. Dunque in piena sintonia con il progetto promosso dalla Cooperativa O.R.O. in un’ottica completamente nuova di percepire e svolgere il proprio compito all’interno di una struttura pubblica, vista come non mera gestione ma un vero laboratorio di idee. Importante, sotto questo punto di vista, aver voluto tra gli ospiti della serata Alessandro Cacciato, esperto in comunicazione e innovazione, collabora da anni alla Farm Cultural Park di Favara (creato da Andrea Bartoli e Florinda Saieva) che il blog britannico Purple Travel ha collocato al sesto posto al mondo come meta turistica per gli amanti dell’arte contemporanea preceduta da Firenze, Parigi, Bilbao, le isole della Grecia e New York. Una galleria d’arte residenza per artisti: il primo parco turistico culturale costruito in Sicilia. Il cui modello è raccontato anche nel suo libro “Il sud vola. Viaggio tra start up e giovani innovatori. E la pubblica Amministrazione?” (Medinova Editore), ovvero le buone pratiche di giovani siciliani che hanno voluto investire nella propria terra. E che Cacciato sta presentando in lungo ed in largo per lo Stivale. Ma non finisce qui, proficua e d’effetto anche la collaborazione con gli organizzatori della mostra  “Warhol è Noto”, Gianni Filippini e il locale manager Peppino Idonea che hanno voluto esporre un quadro della collezione Rosini-Gutman non presente nella Sala Gan dell’ex Convitto Ragusa di Noto: “The nun”. La suora Ingrid Bergman, serigrafia del 1983, la cui presenza all”interno dell’evento Good Vibes segna la volontà degli organizzatori della mostra in città, di voler uscire dai confini fisici degli spazi espositivi per un nuovo ed interessante modo di vedere, vivere e condividere l’arte. La giornata ha avuto poi un gran finale con le performance live dei Colorindaco e Djset targato Frankie O, e si ricorda, infine, che per tutti coloro che sono intervenuti a “Good Vibes”, acquistando il biglietto è prevista una riduzione nel costo del ticket d’entrata alla mostra “Warhol è Noto”.
E.V.

Informazioni su Redazione

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

*