Home / Se te lo fossi perso / Cronaca / Andrea Orlando e la rivoluzione nel nuovo Pd: a Siracusa gli fa eco di Turi Raiti

Andrea Orlando e la rivoluzione nel nuovo Pd: a Siracusa gli fa eco di Turi Raiti

RAITI DUE

Il Pd verso una lotta intestina senza precedenti. Andrea Orlando attacca direttamente l’avversario ex premier: “Renzi, con la sua ossessione di tornare a Palazzo Chigi, rischia di essere un ostacolo per la ricomposizione di tutto il centrosinistra. Dobbiamo batterci – ha detto Orlando durante il suo tour per l’Italia, così come a Siracusa – perché il Pd non diventi il partito di una persona soltanto. La campagna per le primarie è stata tenuta troppo sotto traccia e questo è stato un errore. Se andranno a votare meno elettori dell’altra volta per il Pd è un segno negativo. Per attirare l’attenzione della gente, occorrono più confronti tra le forze politiche ma per ora non è possibile per indisponibilità di Renzi”.

Orlando nella sua visita a Siracusa ha detto tra l’altro: “Dovevamo essere il partito del nuovo millennio”, invece siamo diventati il partito che replica alle pratiche della democrazia prefascista e siamo divenuti il partito dei notabili. Le condizioni economiche dell’Italia sono difficilissime e una forza politica che vuole sfidare forze populiste deve affermare semplicemente la verità”.

Orlando si è dichiarato contrario alle larghe intese. Per il ministro della Giustizia serve un cambiamento o si sfascia il partito. Per Orlando, “dopo la scissione seguita al referendum perso il 4 dicembre, il Pd deve ritrovare la sua funzione di partito che rimette al centro l’uguaglianza. Noi dobbiamo costruire un vero partito riformista; volevano difendere il bicameralismo perfetto, ma per esprimere un malessere la sommatoria delle correnti rischia di determinare separatezze e questa è una delle cause della crisi del Pd”.

A Siracusa gli fa eco Salvatore Raiti, sostenitore convinto del nuovo corso nel Pd di Orlando: “Dobbiamo difendere il grande progetto del Pd. Non è possibile rimanere inermi ad aspettare che tutto ci crolli addosso mentre si studiano i motivi degli errori del passato. Abbiamo bisogno ora di un colpo d’ala forte e decisa per uscire dal vago e ritornare a essere il partito del popolo. L’impegno deve essere affermato al di là della propria posizione interna, altrimenti il rischio è di lanciare un messaggio negativo all’esterno che rischia di cambiare il significato politico che lo zoccolo duro del partito democratico nel suo insieme rappresenta ancora nella politica italiana”.

C.A.

Informazioni su Redazione

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

*