Home / Se te lo fossi perso / Cronaca / Blitz sulla Sea Watch, la Procura di Siracusa apre un’inchiesta a ventaglio su tutta la vicenda

Blitz sulla Sea Watch, la Procura di Siracusa apre un’inchiesta a ventaglio su tutta la vicenda

La Procura di Siracusa ha aperto un fascicolo d’inchiesta a seguito del blitz dei parlamentari e del sindaco Italia sulla motonave Sea Watch 3. Fascicolo relativo e riportato nel registro degli atti che non costituiscono notizia reato (modello 45). Il caso è quello del sindaco Francesco Italia, i deputati Stefania Prestigiacomo di Forza Italia, Nicola Fratoianni, segretario nazionale di Sinistra italiana e deputato eletto con Leu e Riccardo Magi (+Europa e segretario dei Radicali italiani, e altre 5 persone che si trovavano a bordo del gommone su cui la rappresentanza politica si è avvicinata alla motonave al largo della baia di Santa Panagia

Ma, dopo il blitz di Stefania Prestigiacomo, Riccardo Magi e Nicola Fratoianni, con la Capitaneria ha interdetto alla navigazione le acque intorno all’imbarcazione umanitaria per evitare «problemi riguardanti l’ordine pubblico e la sanità pubblica», una delegazione del Pd si è presentata oggi a Siracusa per chiedere lo sbarco immediato. A bordo anche Orfini e Martina. «Basta guardare negli occhi quelle persone per capire che è disumano quello che stanno facendo. Fateli sbarcare», è l’invito del segretario uscente. Mentre Orfini informa che i due sono indagati. «Ci contestano – dice – la violazione di un dispositivo di polizia, noi riteniamo di non aver violato alcuna legge e che quello che abbiamo fatto è nelle nostre prerogative parlamentari».

Si sono mossi anche i Garanti. Quello per l’Infanzia, Filomena Albano, ha inviato una segnalazione al premier Conte invitando a far sbarcare i minorenni. Mauro Palma, Garante per i detenuti, chiede l’immediato attracco per evitare violazioni della Convenzione europea dei diritti dell’uomo. Palma ha informato delle sua «preoccupazioni» la procura di Siracusa.

E la situazione di stallo preoccupa il Quirinale. Il presidente Sergio Mattarella – che è in contatto con il premier Conte – segue da vicino la vicenda e, senza interferire, esprime l’auspicio che venga trovata una via d’uscita dallo stallo individuando una pronta soluzione. D’altronde, del fatto che la situazione vada risolta sembra esserne consapevole – riferiscono fonti parlamentari – anche Salvini. Mattarella rimane comunque convinto della necessità di un’assunzione di responsabilità da parte dell’intera Unione europea per governare il fenomeno dell’immigrazione

Il procuratore Fabio Scavone ha aperto il fascicolo d’inchiesta a seguito del rapporto informativo ricevuto dalla Capitaneria di porto, guardia costiera. Non c’è ancora uno specifico capo d’imputazione ma la Procura aretusea intende verificare se quella delegazione avesse titolo di salire a bordo e incontrare gli immigrati e i membri dell’equipaggio. Inchiesta che si è allargata a ventaglio su tutte le altre tematiche della Sea Watch3 da quando è partita a largo della Libia a quando è arrivata nelle acque del Compartimento Marittimo di Siracusa; ma ora il procuratore Scavone è alle prese con l’ennesima relazione di sevizio della Guardia Costiera di Siracusa che ha denunciato in stato di libertà Martina, Orfini ed altre 4 persone salite a bordo della Sea Watch3. Sono tutti indagati per il reato di “inosservanza di un Provvedimento dell’Autorità'”. Registro modello 21 Noti.

L’indiscrezione. Il Procuratore Fabio Scavone, oltre ad essere un magistrato di lunga carriera, è un ex ufficiale della Marina Militare italiana.

Concetto Alota

Informazioni su Redazione

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

*