Home / Se te lo fossi perso / Cronaca / Caccia al pirata della strada che ha travolto uno scooter e ucciso un quattordicenne

Caccia al pirata della strada che ha travolto uno scooter e ucciso un quattordicenne

Gli investigatori della Polizia hanno avviato le ricerche del pirata della strada che ieri pomeriggio ha travolto uno scooter provocando la morte di un quattordicenne e il ferimento di un sedicenne. Le indagini, coordinate dal sostituto procuratore Gaetano Bono, si sono concentrate sul reperimento di telecamere del sistema di videosorveglianza poste lungo la via Algeri e le zone limitrofe. Gli inquirenti stanno sentendo quei pochi testimoni presenti sul luogo al momento dell’incidente che potrebbero avere visto il tipo di auto che, dopo l’impatto con lo scooter, ha proseguito la marcia senza curarsi di prestare soccorso ai due malcapitati. Anche sui social si susseguono gli appelli a chi abbia visto qualcosa perché riferiscano all’autorità giudiziaria.

Intanto, c’è dolore e rabbia tra i familiari e gli amici di Luca Centofanti, il quattordicenne che ha perso la vita in quest’assurdo incidente. Ieri sera al pronto soccorso tante persone si sono accalcate per avere notizie anche dell’amico di Luca, il sedicenne che nell’impatto con la vettura ha riportato lesioni giudicate gravi dai sanitari dell’ospedale Umberto primo dove si trova ricoverato.

Sui profili social sono tante le partole di affetto per la giovanissima vittima della strada. L’incidente, com’è noto, è avvenuto in torno alle 19 lungo la via Algeri con direzione di marcia verso il complesso di case popolari. Per cause al vaglio della polizia municipale, c’è stata una collisione tra un’auto e lo scooter su cui viaggiavano i due ragazzini. Ad avere la peggio sono stati gli occupanti della moto che sono stati sbalzati sul selciato. Soccorsi da alcuni passanti, i due ragazzini sono stati trasportati in ambulanza in ospedale ma per Luca i sanitari non hanno potuto fare altro che constatarne il decesso.

Informazioni su Redazione

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

*