Warning: Declaration of tie_mega_menu_walker::start_el(&$output, $item, $depth, $args, $id = 0) should be compatible with Walker_Nav_Menu::start_el(&$output, $data_object, $depth = 0, $args = NULL, $current_object_id = 0) in /web/htdocs/www.srlive.it/home/wp-content/themes/jarida/functions/theme-functions.php on line 1904
Canale Galermi, autorizzati i lavoriSiracusaLive | SRlive.it
Home / Se te lo fossi perso / Ambiente / Canale Galermi, autorizzati i lavori

Canale Galermi, autorizzati i lavori

Con Decreto dell’Assessorato regionale del Territorio e dell’Ambiente, è stato espresso parere positivo per la valutazione di incidenza, ai sensi delle leggi vigenti, per la riparazione di perdite e pulizia dei tratti del Canale Galermi in varie località, lavori ricadenti nel territorio del Comune di Sortino, a condizione che vengano rispettati 11 fra integrazioni e prescrizioni. Lo comunica Vincenzo Vinciullo.Come si ricorderà, il finanziamento dell’opera è stato inserito nella Finanziaria 2017 di cui  sono stato relatore quanto presentatore dell’emendamento, oltre che Presidente della Commissione che l’ha approvato.I lavori sono stati già appaltati e mancava l’autorizzazione dell’Assessorato regionale del Territorio e dell’Ambiente per poterli fare iniziare.In questo modo, ha proseguito Vinciullo, si spera che, con il nuovo anno, non ci siano più problemi per fornire il servizio irriguo ai circa 600 utenti del canale, che si ricorda essere il più antico canale al mondo ancora in funzione perché costruito ancor prima che la città di Roma conquistasse la nostra città.I lavori riguardano la pulizia del canale, mediante il taglio della vegetazione e delle radici infestanti l’alveo, la riparazione interna di piccole perdite utilizzando malte idonee, il ripristino di piccoli smottamenti con lo stesso materiale, la sostituzione di alcune lastre danneggiate in cemento a copertura dei pozzetti e la pulizia di tutto il percorso, compresa la galleria di adduzione al canale Galermi e la pulizia del canale denominato Calcinara, con l’esportazione di tutto il materiale calcareo che si è depositato in questi anni.Il progetto ricade all’interno della zona di protezione SIC che appartiene alla rete ecologica Natura 2000, sito denominato RNO Pantalica – Valle dell’Aapo e Torrente Cavagrande.Sono soddisfatto del risultato raggiunto che adesso, ha concluso Vinciullo, consentirà l’inizio e la conclusione veloce dei lavori.

Informazioni su Redazione

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

*

RSS
Follow by Email
YouTube