Home / Se te lo fossi perso / Attualità / Coibentazione e ponteggi: confronto sindacati-aziende

Coibentazione e ponteggi: confronto sindacati-aziende

La crisi economica travolge anche le imprese della coibentazione e dei ponteggi. Aziende storiche come Riva & Mariani, MS Isolamenti e SAIT, accusano problemi occupazionali che avrà un probabile acuirsi con l’approssimarsi della stagione dei rinnovi dei contratti di manutenzione con le più grandi committenti del territorio siracusano.

Nel corso di un incontro con i segretari generali di Filctem, Femca e Uiltec, i responsabili di settore hanno evidenziato come queste aziende del settore stiano soffrendo il proliferare di una moltitudine di aziende che oltre a utilizzare contratti molto meno onerosi, non sempre rispettano gli stessi livelli di garanzia in termini di sicurezza e diritti dei lavoratori interessati.

Tutto ciò è dovuto agli effetti della politica sugli appalti perpetrata dalle committenti, sempre più attente   al  recupero di costi e sempre più votate al massimo ribasso, per  fronteggiare gli effetti della crisi che l’industria  ormai attraversa da molti anni.

Le Segreterie sostengono però, che questa deriva non è più sostenibile,  perché mette a rischio il futuro di centinaia di famiglie del territorio, per le conseguenti  ricadute occupazionali che si determineranno.

I sindacalisti sostengono sia necessario stringendo un patto di alleanza tra organizzazioni sindacali Aziende del settore e grandi Committenti, per ristabilire da un lato una corretta pratica degli appalti che consenta il mantenimento dei livelli occupazionali e dall’altro la conferma del riconoscimento dei contratti di pertinenza per garantire  gli standard di sicurezza.

Si procederà quindi ad avviare un confronto  con le proprietà di MS Isolamenti, Riva & Mariani e SAIT, per approfondire insieme il gravissimo fenomeno, ed insieme programmare una serie di interventi che vedranno inevitabilmente coinvolte le committenti del nostro territorio industriale.

Informazioni su Redazione

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

*