Home / Se te lo fossi perso / Attualità / Comitato scuole sicure: mobility manager assente nella redazione del Pums

Comitato scuole sicure: mobility manager assente nella redazione del Pums

Torna a parlare di sicurezza e perfezionamento degli spostamenti stradali, focalizzandosi sui tragitti casa-scuola, il Comitato Scuole Sicure di Siracusa. In previsione dell’attuazione nel capoluogo del Pums, il Piano della Mobilità Sostenibile, approvato nel 2019 dal Consiglio comunale, il pool di esperti volontari dell’ente sociale chiama in causa le dirigenze degli istituti didattici, di ogni ordine e grado, per partecipare all’aggiornamento e ottimizzazione di uno strumento che sarebbe già stato concepito con diversi deficit.

Il presidente del Comitato, Angelo Troia, in una dettagliata lettera, ha ribadito ai presidi delle scuole del territorio comunale di provvedere quanto prima, ove non già fatto, a nominare un mobilty manager che contribuisca, in sinergia con i propri colleghi, a omologare il piano alle normative vigenti in materia, con riferimento specifico alle esigenze della popolazione scolastica.

L’architetto Troia ricorda come quella del mobility manager sia una figura strategica, in quanto dovrebbe: “Organizzare e coordinare gli spostamenti casa-scuola-casa del personale scolastico e degli alunni; mantenere i collegamenti con le strutture comunali e le aziende di trasporto;  coordinarsi con gli altri Istituti Scolastici presenti nel medesimo comune;  verificare soluzioni per il miglioramento dei servizi e l’integrazione degli stessi; garantire l’intermodalità e l’interscambio;  favorire l’utilizzo della bicicletta (ove possibile] e dei servizi a noleggio di veicoli elettrici o a basso impatto ambientale e naturalmente  segnalare, all’Ufficio Regionale Scolastico preposto, eventuali problematiche legate al trasporto dei disabili”.

Il Comitato, superata la fase di stallo dovuta alla pandemia, ha deciso di programmare il sollecito di una serie di interventi che ritiene fondamentali per la sicurezza degli utenti delle scuole, partendo da quelli più facilmente ottenibili.

 L’attività di indagine e supervisione, tuttavia, si concentrerà nelle prossime settimane sulla solidità strutturale e la tenuta sismica degli edifici scolastici e sulla capacità degli enti territoriali di competenza di produrre idonee certificazioni in merito.

Informazioni su Redazione

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

*