Home / Se te lo fossi perso / Attualità / Comune di Siracusa. Tasse e balzelli tutti in una volta: scelta scellerata, cittadini vessati e in forte difficoltà

Comune di Siracusa. Tasse e balzelli tutti in una volta: scelta scellerata, cittadini vessati e in forte difficoltà

Incapacità, incompetenza, leggerezza o cosa? Il Comune di Siracusa ha spedito nei giorni scorsi oltre diecimila raccomandate (quelle dichiarate) di messa in mora su ipotetiche tasse non pagate ai siracusani e il sindaco stavolta, a differenza del rinnovo dei loculi al cimitero, ha deciso la strada della diplomazia, anche se a tratti non ha convinto del tutto della sua buona volontà e buona politica. Se fosse vero, sarebbe una rivoluzione.

Excusatio non petita, accusatio manifesta; è una locuzione latina di origine medievale. La sua traduzione letterale è: “Scusa non richiesta, accusa manifesta”. Infatti, il sindaco di Siracusa Italia, parte con la storiella in una nota stampa diffusa nei giorni scorsi: “Lotta all’evasione fiscale, accertamenti in crescita: nessuna azione vessatoria verso chi non può pagare”. Nessuno ha mai parlato di vessazione, semmai di cattiva organizzazione, di ritardi, omissioni e altro ancora. Scrive ancora Italia. “Il Comune tende la mano a chi non paga i tributi locali ed è pronto a guidarlo per mettersi in regola attraverso le agevolazioni previste dalle leggi”. È giusto pagare le tasse, così come aiutare i meno abbienti. La contraddizione sorge nel momento in cui sono stati spediti oltre 10mila avvisi di pagamento, e altri sono in arrivo, e tutti in una sola volta; atto travisato come un innocente avviso di accertamento per omesso insufficiente versamento, ma non è così. Logica deduzione vuole che il comune non sia tanto sicuro in realtà se i cittadini avvisati, disturbati, vessati, hanno pagato oppure no, quanto richiesto. Questa si chiama improvvisazione, disorganizzazione, quando non si cela la possibile “cattiva giocata”: una sorta di “intanto ti accuso di non aver pagato l’Imu, la Tasi o la tassa dei rifiuti e poi vediamo”; ma intanto il cittadino si deve arrangiare, perdere ore, assentarsi dal lavoro, magari con permessi o ferie, correre al Comune, dal commercialista, cercare nei cassetti le bollette di cinque anni fa per dimostrare se quello che gli è contestato è vero oppure frutto di un sistema falloso: in una sorta di dove “coglio coglio”, specie per gli anziani.

In molti casi si tratta di balzelli del 2014, quindi che saranno prescritti a fine dicembre del 2019. Una corsa contro il tempo; e questo fatto la dice lunga sulla fretta intervenuta che potrebbe avere influito del buon esito dell’operazione, oltre di aver ostacolato i necessari e giusti controlli nel tempo dovuto e non con la fretta: “Intanto inviamo a tappeto a tutti la raccomandata prima che scadono i cinque anni e poi si vedrà”.

Un errore sia dal punto di vista della correttezza, sia dal punto di vista giuridico. In merito alcune sentenze hanno ribaltato questo modo di fare; nel conteggio della prescrizione si deve tenere da conto il periodo di 60 giorni necessario perché prima del periodo di prescrizione il cittadino possa poter dimostrare la sua eventuale colpa o innocenza che sia. Sarebbe stato giusto fare recapitare gli avvisi a ottobre e non, come in molti casi, nei primi giorni di dicembre.

La rivolta dei cittadini è condivisibile, l’importante è approfondire il lato giuridico per evitare ingiunzioni e altri pasticci che creano guai peggiori. Quella del sindaco Italia è una presa di posizione che va verso la protesta civile, guerrafondaia perché le tasse vanno pagate certamente, ma l’amministrazione non deve agire alla carlona, usando un metodo per distribuire i pagamenti scaglionati; non si può dopo cinque anni chiedere tre o quattro tasse tutte insieme; incomprensibile poi che sullo sfondo le uniche verifiche sembrano essere quelle per tutelare il fabbisogno del bilancio comunale.

Concetto Alota

 

Informazioni su Redazione

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

*