Home / News Covid19 / Covid-19. In Sicilia 1.969 nuovi positivi, 36 morti, 1294 guariti. A Siracusa 218 casi

Covid-19. In Sicilia 1.969 nuovi positivi, 36 morti, 1294 guariti. A Siracusa 218 casi

Covid-19. Nell’Isola si sono verificati nelle ultime 24 ore  1.969 nuovi positivi su 10542 tamponi processati con una incidenza del 18,6%. Le vittime sono state 36 nelle ultime 24 ore che portano a 2841 deceduti dall’inizio della pandemia. I positivi sono 44.677 con un aumento di 639 casi. I guariti sono 1294.

Nella mappa dei contagi nelle province: Catania 557, Palermo 445, Messina 380, Siracusa 218, Trapani 124, Agrigento 79, Caltanissetta 71, Enna 62 e Ragusa 33.

Negli ospedali i ricoveri sono 1.579, 28 in più rispetto a ieri, mentre i ricoveri in regime ordinario sono 1371, 29 in più rispetto a ieri. In terapia intensiva i ricoveri sono 208, uno in meno rispetto a ieri.

Sanità Nursing Up De Palma: «Piano vaccini, non serve fumo negli occhi. Dare subito spazio a infermieri ssn che non svolgono attività extraordinaria»

«Basta con il fumo negli occhi e con la politica dei proclami e degli autoelogi. E soprattutto basta con il futile gioco di chi spera di guadagnare maggiore credibilità, di fronte all’opinione pubblica, celebrando se stesso come il Paese numero uno nella Ue per vaccini somministrati. Tutto questo non ci serve, questa “gara” non ci conduce a nessun risultato concreto. Gli oltre 70mila nuovi vaccinati delle ultime 24 ore non rappresentano un dato di cui andare fieri.

Potremmo sembrare impietosi e severi, ma la matematica non è un’opinione e senza una media tra 320 mila e 400 mila somministrazioni al giorno, sempre che si inizi nei prossimi giorni ad utilizzare vaccini monodose, non arriveremo mai all’immunizzazione totale per fine anno. Lo stesso Commissario Arcuri, ogni tanto, dall’alto della sua fortezza di certezze, sembra vacillare. In realtà la verità è ben nota, non nascondiamoci!

Gli infermieri per vaccinare gli italiani non ci sono. Nè i 27mila che servirebbero davvero, nè i 12mila, decisamente insufficienti, che Arcuri sperava di reclutare con il suo bando.

Un piano che si è rivelato fallimentare e che non ha certo bisogno della dietrologia di quei sindacati che oggi, a differenza del nostro, che da tempo sollevava la spinosa questione, mettono in evidenza a gran voce, amaramente diciamo noi, una questione che è già vecchia. Adesso è il momento di andare oltre. Di pensare subito a un piano strategico alternativo e concreto per trovare quei vaccinatori. Non è il momento delle cantilene.

Così Antonio De Palma, Presidente Nazionale del Sindacato Nursing Up, calca la mano sulla necessità, adesso improrogabile, di voltare pagina. Con l’ampio sostegno di tutte le forze in gioco.

Ma i numeri dovrebbero essere ben diversi da quelli attuali: con circA 43mila somministrazioni giornaliere, perchè questa è la media sulla quale viaggiamo oggi, ci vorrebbero diversi anni per vaccinare tutti gli italiani. Ci rendiamo conto? E la salute dei cittadini non può certo permettersi questi tempi di attesa di fronte a una pandemia che non ci concede alcuna tregua.

Continuano i decessi dei cittadini, e purtroppo, ad oggi, non meno di 250 infermieri, negli ospedali italiani, si ammalano ogni giorno di Covid.

In attesa di nuove risorse, occorre retribuire le forze di cui già disponiamo, e retribuirle adeguatamente: è l’unica soluzione possibile. E sarebbe assurdo, rappresenterebbe un ulteriore schiaffo in pieno volto, se Arcuri dovesse decidere di ridistribuire i 534,2 milioni di euro del bando per pagare medici in sostituzione degli infermieri. I loro 6mila euro lordi, a fronte dei nostri 3077, sono già un gap notevole, che ci spiega oltre ogni dubbio per quale ragione il numero di 3mila medici richiesto dal bando è stato ampiamente coperto. Ma siamo abituati a essere colpiti alle spalle, non ci sarebbe da meravigliarsi».

Informazioni su Redazione

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

*

RSS
Follow by Email
YouTube