Home / Se te lo fossi perso / Politica / I dubbi dei pentastellati sulla scelta dei quartieri da salvare

I dubbi dei pentastellati sulla scelta dei quartieri da salvare

Martedì  alle 17.30, riprenderanno  i Lavori Consiliari, interrotti alle 23 di giovedì. Il gruppo consiliare del M5S reputa le scelte amministrative di dubbia efficacia e contestualmente ad attribuzioni di paternità non autentica riguardo a una proposta avanzata dai componenti del M5S e successivamente accolta all’unanimità dal Consiglio Comunale.

La proposta di deliberazione, sottoscritta da tutti i capigruppo, presentata dall’Avv. Ezechia Paolo Reale sulla riduzione dei membri componenti le commissioni da 16 a 12. Nelle intenzioni del relatore, pare ci fosse anche l’idea di una ulteriore riduzione, tale da giungere, infine, a portare ad 8 i consiglieri per commissione. E’ da sottolineare però, che la proposta era stata avanzata già l’ 11 agosto e poi protocollata, negli appositi uffici, dal Gruppo Consiliare del M5S il 13 agosto 2018, ma il fatto che nessuno ne parli non va ad intaccarne il suo valore.
Riguardo invece al parere , richiesto con una Mozione dal Gruppo consiliare Progetto Siracusa, molto generica, sulla Delibera di Giunta n.155 dell’ 08/06/2018 avente oggetto: “la soppressione delle sedi circoscrizionali Tiche, Santa Lucia, Epipoli e Neapolis”, i Portavoce precisano di aver presentato a tal proposito un emendamento, di grande buonsenso, che teneva in considerazione il garantire una maggiore contrazione dei costi per il comune ed una più sensibile ed efficace erogazione dei servizi offerti dalle circoscrizioni tali da migliorare la qualità della vita degli abitanti.
Purtroppo, tale mozione è stata inspiegabilmente disattesa dal resto dell’aula consiliare.
Nel reputare che la strada da percorrere sia quella della riduzione della spesa, salvaguardando le esigenze dei cittadini, verrà presentato un atto di indirizzo che coniughi entrambe le esigenze. Infatti, ci si è chiesto – dicono i pentastellati – e chiediamo all’amministrazione su quali basi siano state scelte quelle circoscrizioni, quanto economicamente è incisiva l’utenza che vi graviti intorno e se si possano mettere in opera soluzioni logistiche che estinguano gli affitti passivi degli uffici, mantenendoli comunque in essere. In attesa di poter esaminare tutta la documentazione e valutarne la congruità abbiamo votato no alla proposta di revoca o modifica della delibera in predicato.
Da ultimo  si rileva che, nella seduta Consiliare di giovedì si è notata la scarsa presenza degli addetti stampa che solitamente affollano l’aula durante le convocazioni dell’assise comunale e che ci si augura di poter incontrare alla prossima.

Informazioni su Redazione

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

*