Home / Cultura / El Dia de Muertos nella cultura e nei riti precolombiani e preispanici dell’ America Latina

El Dia de Muertos nella cultura e nei riti precolombiani e preispanici dell’ America Latina

a cura di Giovanni Intravaia

La commemorazione dei defunti del 2 novembre ha origini antiche, che uniscono paesi lontani per epoche e distanze, e anche la data non è casuale, perché civiltà antichissime già celebravano la festa degli antenati o dei defunti in un periodo simile

​​​​Il giorno dei morti è la festività che la Chiesa cattolica dedica alla commemorazione dei defunti. La festa ha origini antiche, che uniscono paesi lontani per epoche e distanze. La data del festeggiamento, il 2 novembre, non è casuale.

Civiltà antichissime già celebravano la festa degli antenati o dei defunti in un periodo che cadeva proprio tra la fine di ottobre e i primi giorni di novembre. Questa data sembra riferirsi al periodo del grande Diluvio, di cui parla la Genesi. Quello per cui Noè costruì l’arca che, secondo il racconto di Mosè, cadde nel “diciassettesimo giorno del secondo mese”, che corrisponderebbe al nostro novembre.

La Festa dei Morti nacque dunque in “onore” di persone che Dio stesso aveva annientato, col fine di esorcizzare la paura di nuovi eventi simili. Da qui in poi, la storia, che è ovviamente sospesa tra religione e leggenda, diventa più chiara.

Il rito della commemorazione dei defunti sopravvive alle epoche e ai culti: dall’antica Roma, alle civiltà celtiche, fino al Messico e alla Cina, è un proliferare di riti,  con comune denominatore :  consolare le anime dei defunti, affinchè siano propizie per i vivi.

La tradizione celtica fu quella che ebbe maggiore eco. La celebrazione più importante del calendario celtico era  la “notte di Samhain”, la notte di tutti i morti e di tutte le anime, che si festeggiava tra il 31 ottobre e il 1° novembre.

All’epoca dei primi cristiani, queste tradizioni erano ancora molto presenti: la Chiesa cattolica faticava a sradicare i culti pagani. Così, nel 835, Papa Gregorio II spostò la festa di “Tutti i Santi” dal 13 maggio al 1° novembre, pensando, in questo modo, di dare un nuovo significato ai culti pagani. Nel 998 Odilo, abate di Cluny, aggiungeva al calendario cristiano il 2 novembre, come data per commemorare i defunti. In memoria dei cari scomparsi, ci si mascherava da santi, da angeli e da diavoli; inoltre, si accendevano falò.

In epoca preispanica, il culto della morte era uno degli elementi fondamentali della cultura centroamericana .   I morti venivano sepolti avvolti in una stuoia e i   parenti organizzavano una festa per guidarli nel loro viaggio verso Mictlán. Allo stesso modo, offrivano  dato il cibo che a loro piaceva nella vita, con la convinzione che potessero avere fame .

Il Giorno dei Morti nella visione indigena implica il ritorno transitorio delle anime dei defunti, che tornano a casa, nel mondo dei vivi, per vivere con le loro famiglie e per nutrirsi dell’essenza del cibo che viene loro offerto sugli altari approntati  in loro onore.

Nella celebrazione del Giorno dei Morti, la morte non rappresenta un’assenza ma una presenza viva; la morte è un simbolo di vita che si materializza sull’altare offerto. In questo senso, è una celebrazione che porta una grande trascendenza popolare poiché include vari significati, da quelli filosofici a quelli materiali.

La sua origine risiede nell’armonia tra la celebrazione dei rituali religiosi cattolici portati dagli spagnoli e la commemorazione del giorno dei morti che gli indigeni svolgevano fin dall’epoca preispanica; Gli antichi Mexica, Mixtec, Texcocan, Zapotec, Tlaxcalans, Totonac e altri popoli originari del nostro paese, trasferirono la venerazione dei loro morti al calendario cristiano, che coincise con la fine del ciclo agricolo del mais, principale coltura alimentare del paese.

La celebrazione del Giorno dei Morti si svolge l‘1 e il 2 novembre poiché è suddivisa in categorie: Secondo il calendario cattolico, il 1 novembre corrisponde ad Ognissanti, un giorno dedicato ai “piccoli morti” o bambini, e il 2 novembre ai fedeli morti, cioè agli adulti

Ogni anno molte famiglie mettono offerte e altari decorati con fiori di cempasúchil, papel picado, teschi di zucchero, pan de muerto, talpa o qualche piatto che piaceva ai loro parenti a cui l’offerta è dedicata, e come in epoca preispanica, L’incenso viene posto per aromatizzare il luogo.

Allo stesso modo, i festeggiamenti includono la decorazione delle tombe con fiori e molte volte la realizzazione di altari sulle lapidi, che in epoca indigena aveva un grande significato perché si pensava che aiutasse a condurre le anime a viaggiare su un buon sentiero dopo la morte.

La tradizione indica anche che, per facilitare il ritorno delle anime sulla terra, si dovrebbero stendere petali di fiori di calendula e collocare candele tracciando il percorso che percorreranno affinché queste anime non si perdano e raggiungano la loro destinazione. Nei tempi antichi questo percorso portava dalla casa di famiglia al pantheon dove riposavano i loro cari.

Il Giorno dei Morti viene celebrato in tutto il Messico, con alcune variazioni a seconda della regione o dello stato.

A Città del Messico, nella  municipalità di Tláhuac, c’è una piccola città chiamata Mixquic, che significa “dove c’è mesquite”, uno dei luoghi più visitati in questi giorni poiché la sua celebrazione è legata alle tradizioni messicane ed è realizzato in concomitanza con la fiera del paese. Il 2 novembre si svolge “La Alumbrada”, dove migliaia di candele illuminano le tombe decorate con fiori.

Oaxaca, uno degli stati culturalmente più ricchi , la celebrazione del Giorno dei Morti è una delle più significative. Gli altari sono addobbati con tovaglia bianca o coriandoli e sono suddivisi in gradini, ognuno con un significato speciale: il primo rappresenta i nonni e / o gli adulti, mentre il secondo o successivi sono per tutti gli altri. Durante questa festa puoi assistere a innumerevoli mostre a Oaxaca.

Altri stati e luoghi importanti in Messico durante questa vacanza sono: Janitzio e Pátzcuaro a Michoacán, Xochimilco a Città del Messico e Cuetzalán a Puebla, solo per citarne alcuni.

L’ Organizzazione delle Nazioni Unite per l’Istruzione, la Scienza e la Cultura (UNESCO), ha dichiarato questo festival nel 2008 Patrimonio Culturale Immateriale dell’Umanità, per la sua importanza e significato in quanto espressione tradizionale-contemporanea. e vivere allo stesso tempo, inclusivo, rappresentativo e comunitario.

Per l’UNESCO, l’incontro annuale tra i popoli indigeni e i loro antenati svolge una notevole funzione sociale affermando il ruolo dell’individuo all’interno della società. Contribuisce inoltre a rafforzare lo status culturale e sociale delle comunità indigene del Messico.

Il Giorno dei Morti è considerato una celebrazione della memoria e un rituale che privilegia la memoria rispetto all’oblio.

In Messico, la celebrazione del Giorno dei Morti varia da stato a stato, da comune a comune e da città a città, tuttavia in tutto il Paese è animata da un unico spirito    : riunire le famiglie per accogliere i loro cari che ritornano dall’aldilà.

Informazioni su Redazione

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

*

RSS
Follow by Email
YouTube