Home / economia / Federalberghi incontra l’assessore al turismo

Federalberghi incontra l’assessore al turismo

Senza collaborazione tra i portatori di interessi, il territorio non potrà avviare la sua azione di crescita efficace.
Grande intesa per i progetti futuri tra Alessandro Schembari, assessore al turismo del comune di Siracusa e Alberto Carpenzano, presidente provinciale dell’associazione nazionale più rappresentativa degli albergatori.

Sono state gettate le basi per una stretta, proficua, collaborazione tra i partner più rappresentativi ed autorevoli del territorio al fine di portare avanti progetti e iniziative a tutela degli operatori turistici e per la crescita economica e sociale.

Il presidente Carpenzano che ha ringraziato l’assessore per la sua manifesta disponibilità formale e sostanziale, ha dichiarato: “non possiamo perdere l’occasione di collaborare per il bene della categoria e della città. Tutte le ricerche indicano che dove c’è una fitta rete di rapporti tra pubblica amministrazione e associazioni di rappresentanza nazionali, il territorio cresce in modo esponenziale. Oramai gli studi sul turismo sottolineano – continua il presidente degli albergatori – che dobbiamo essere competitivi con l’estero e con altre regioni, e per farlo dobbiamo offrire suggestioni, emozioni e soprattutto servizi“.

Dello stesso avviso l’assessore Schembari che durante l’incontro ha chiarito cosa è stato fatto con i soldi della tassa di soggiorno e quali sono le nuove prospettive: “noi siamo disponibili a pianificare, insieme, le strategie di intervento. Per esempio come organizzare ancor meglio i servizi per il turista e come gestire alcuni progetti”.

Federalberghi ha evidenziato la necessità di considerare che sulla tassa di soggiorno le commissioni bancarie, a carico dell’albergatore, vengano decurtate. In questo modo l’albergatore, che incassa la tassa, restituirebbe l’importo al netto della percentuale della spesa bancaria.
“Restituire almeno le commissioni bancarie agli albergatori che fungono da esattori – continua Carpenzano – sarebbe già un passo importante verso una collaborazione tra le parti”.

All’incontro si è parlato di pianificazione di eventi ed incontri culturali, di come presentare al meglio il nostro territorio in modo unico, trasparente, immediato e professionale rispetto alle mutate esigenze della pandemia.
“Si sta già lavorando ad alcuni pacchetti nazionali – chiarisce il presidente di Federalberghi – insieme agli operatori teatrali, gli albergatori, le guide di Confguide, per poter, attraverso gli eventi già in cantiere, offrire soluzioni confacenti alle richieste del turista post-covid. L’imperativo categorico è stare insieme per la crescita di tutti”.

Infatti, attraverso una sinergia tra le associazioni più rappresentative del territorio, la camera di commercio del sud-est, grazie all’azione determinate dell’intera giunta camerale e della nostra rappresentante siracusana Enza Privitera, l’istituto nazionale del dramma antico ha potuto beneficiare di un supporto straordinario: un contributo inaspettato a favore del più importante ente di teatro antico, affinché possa organizzare una stagione importante per tutta la comunità del sud-est, albergatori compresi. Si auspica, così, una presenza di circa 100 mila persone che porterà, si spera, una ricaduta economica di circa 30 milioni.

Informazioni su Redazione

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

*

RSS
Follow by Email
YouTube