Warning: Declaration of tie_mega_menu_walker::start_el(&$output, $item, $depth, $args, $id = 0) should be compatible with Walker_Nav_Menu::start_el(&$output, $data_object, $depth = 0, $args = NULL, $current_object_id = 0) in /web/htdocs/www.srlive.it/home/wp-content/themes/jarida/functions/theme-functions.php on line 1904
Goletta Verde: inquinata la foce del canale GrimaldiSiracusaLive | SRlive.it
Home / Se te lo fossi perso / Ambiente / Goletta Verde: inquinata la foce del canale Grimaldi
Goletta verde, conferenza stampa

Goletta Verde: inquinata la foce del canale Grimaldi

Il prelievo effettuato da Goletta Verde alla foce del Canale Grimaldi, nel Porto Grande di Siracusa, è risultato, anche quest’anno,“fortemente inquinato”.

Passano gli anni ma il Porto Grande di Siracusa, patrimonio dell’umanità e bene paesaggistico unico, rimane inquinato a causa dello scarico delle acque reflue provenienti dal depuratore cittadino.
Lo scarico – va ricordato – fu autorizzato più di 20 anni fa come soluzione temporanea per scaricare in mare il refluo depurato proveniente dall’impanto cittadino ma da allora “nonostante le nostre continue denunce, le inchieste giudiziarie e le promesse delle amministrazioni e delle società di gestione del depuratore di eliminarlo, continua ad essere regolarmente utilizzato”. L’impatto ambientale su un ecosistema praticamente chiuso come il porto è molto elevato: il notevole apporto di sostanze nutritive determina un processo di vera e propria eutrofizzazione, con la formazione di alghe e il deposito sul fondo di fanghi. Senza contare il grave spreco di una risorsa come il refluo depurato altrimenti utilizzabile per l’agricoltura e l’industria. Questa situazione non può essere più tollerata.
Le opere per dirottarle fuori dal Porto e riutilizzare le acque reflue per scopo irriguo o industriale esistono già, quella che finora è mancata è stata la volontà politica di farlo. Una soluzione immediata potrebbe essere quella di utilizzare l’impianto del consorzio di bonifica per portare l’acqua fino al depuratore consortile della zona industriale che attraverso la propria condotta lunga un chilometro potrebbe sversare il refluo in mare aperto.
La tutela del Porto Grande di Siracusa, bene paesaggistico Patrimonio dell’Umanità e degli ecosistemi vicini (la riserva “Ciane – Saline” e l’Area Marina Protetta del Plemmirio), non è più rimandabile.
Se ne occupi da subito la nuova amministrazione comunale.

Informazioni su Redazione

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

*

RSS
Follow by Email
YouTube