Google+
Ultime Notizie

Il presidente Cutrufo: “Basta, lascio il Siracusa”

Scorrono i titoli di coda sul Siracusa targato Cutrufo. Più che un film è sembrato un cortometraggio dal finale triste ed il produttore che non vuol saperne più di tirare da solo la carretta. La disamina di Gaetano Cutrufo non risparmia alcuno. Se la prende con gli imprenditori De Salvo che lo sedussero un anno fa abbandonandolo neanche all’inizio dell’avventura. “Avrei dovuto rappresentare il 50 per cento della proprietà – afferma Cutrufo – Invece, mi sono ritrovato completamente da solo e per di più ho dovuto sopportare la loro uscita di scena improvvisa tramite un semplice sms. Ad oggi non hanno avuto ancora il coraggio di darmi spiegazioni”.

Seconda stoccata agli sportivi siracusani. “Ho continuato – dice Cutrufo -malgrado quest’anno sia trascorso a dover convincere e rincorrere, quasi chiedendo alla gente di potersi avvicinare alla squadra. Come mi hanno suggerito alcuni tifosi, non me lo ha ordinato il medico di dover fare il presidente del Siracusa, soprattutto se l’entusiasmo del primo periodo è andato scemando. L’effetto per Cutrufo è che “non ci sono le condizioni per soddisfare una piazza così esigente e in un momento storico così drammatico in ambito lavorativo, ho bisogno di dedicarmi completamente all’azienda, senza permettermi distrazioni alcune”.

La conseguenza è che la sua esperienza da presidente del Siracusa sia arrivata al capolinea. Decisione sofferta, dice Cutrufo, che aggiunge di non volere abbandonare la nave senza lasciarla ad un altro comandante. “Mi sto adoperando per cercare un valido successore – dice – Sicuramente non avrò soddisfatto le aspettative ma quanto meno darò la possibilità a chi ne avrà la voglia, secondo un progetto ben organizzato, di ripartire da una categoria dignitosa, a un passo dalla Serie D”. A una condizione, dice Cutrufo: “Sarà necessario che in tanti si lascino alle spalle il disfattismo di cui sono vittime».

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

*