Warning: Declaration of tie_mega_menu_walker::start_el(&$output, $item, $depth, $args, $id = 0) should be compatible with Walker_Nav_Menu::start_el(&$output, $data_object, $depth = 0, $args = NULL, $current_object_id = 0) in /web/htdocs/www.srlive.it/home/wp-content/themes/jarida/functions/theme-functions.php on line 1904
Incidente stradale, le vittime sono due disoccupati e un pensionato di PachinoSiracusaLive | SRlive.it
Home / Se te lo fossi perso / Cronaca / Incidente stradale, le vittime sono due disoccupati e un pensionato di Pachino

Incidente stradale, le vittime sono due disoccupati e un pensionato di Pachino

Sono tre pachinesi le vittime dell’incidente stradale avvenuto intorno alle 16 di questo pomeriggio sulla strada provinciale 26, Pachino-Rosolini. Secondo quanto ricostruito dai carabinieri della compagnia di Noto, accorsi sul posto per eseguire i rilievi del caso, i tre viaggiavano a bordo di una Peugeot station Wagon, quando il conducente ha perso il controllo finendo nella carreggiata opposta, proprio mentre stava sopraggiungendo un Tir. L’impatto è stato violento e ad avere la peggio sono stati gli occupanti della vettura.

Sono morti sul colpo Pietro Calvo e Sebastiano Di Pietro, entrambi sessantenni, disoccupati, che risiedevano a Pachino. La terza vittima, Vincenzo Buscemi, di 80 anni, bracciante agricolo pensionato, anch’egli di Pachino, è stato soccorso con l’ambulanza del 118 e trasportato all’ospedale Di Maria di Avola dove, però, non sono bastate le cure dei sanitari perché è deceduto a causa delle gravi lesioni riportate in diverse parti del corpo.

Sul posto sono dovute accorrere anche le squadre dei vigili del fuoco, che hanno utilizzato attrezzature speciali per estrarre le vittime dalle lamiere contorte della vettura. Il pm Enea Parodi ha disposto la restituzione delle salme ai familiari, ritenendo ben chiara la dinamica dell’incidente stradale che ha provocato le prime tre vittime della strada in quest’inizio d’anno.

Informazioni su Redazione

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

*