Home / Se te lo fossi perso / Cronaca / Lentini, soldi per falsi contratti di loculi al cimitero: ex impiegato indagato

Lentini, soldi per falsi contratti di loculi al cimitero: ex impiegato indagato

Avrebbe incassato soldi da ignari cittadini, per la prenotazione di loculi che agli affetti pratici era carta straccia. I poliziotti in servizio al Commissariato di Lentini hanno eseguito una perquisizione nell’abitazione di O. S. di anni 62, già impiegato del Comune di Lentini in qualità di responsabile dei servizi cimiteriali, attualmente in quiescenza per raggiunti limiti di età, estendendo l’atto in questione anche negli uffici comunali presso il cimitero e a quelli correlati agli affari cimiteriali in via Italia, in esecuzione  al decreto di perquisizione locale e personale emesso dalla Procura della Repubblica del Tribunale di Siracusa, nella persona del Sostituto Procuratore Maurizio Musco. L’uomo è sottoposto a indagine per i reati di falsità materiale del pubblico ufficiale in atti pubblici e truffa, consumati e continuati dal mese di gennaio del 2006 a quello di marzo del 2015 con l’aggravante di aver agito per motivi abietti e futili.

Il 21 marzo scorso un dirigente comunale di Lentini, denunciava di aver ricevuto da un’utente una concessione cimiteriale, la quale da controlli degli atti interni, risultava essere stata falsificata e rilasciata al predetto utente anche quale ricevuta di una somma di denaro pari a circa 2.100 euro, consegnati al funzionario indagato in contanti, sufficienti per effettuare i versamenti degli oneri occorrenti. Dagli atti risultava tra l’altro anche la falsificazione delle relative ricevute, attestanti un versamento di denaro di fatto mai effettuato.  L’artifizio sarebbe servito ad aggirare gli ostacoli per l’assegnazione di aree pubbliche che sarebbe stato impossibile assegnare nel rispetto dei regolamenti comunali. Avendo già avuto notizia confidenziale, per il verificarsi di assegnazioni di aree cimiteriali fuori dai limiti di regolamento, gli agenti di Polizia esortavano il dirigente ad effettuare un controllo degli atti più penetrante al fine di individuare l’esistenza di ulteriori pratiche illecite giacenti negli uffici comunali. Tra marzo ed aprile, il dirigente amministrativo ha denunciato in questi uffici l’esistenza di ulteriori 20 pratiche burocratiche illegali concernenti l’illecita concessione di tumuli cimiteriali, per un ammontare di circa 45 mila euro di mancati introiti nelle casse comunali. Nel corso deòòa perquisizione nei locali dell’abitazione dell’indagato sono stati individuati ed acquisiti ulteriori atti relativi ad altre due concessioni cimiteriali improprie oltre ad essere stati sequestrati gli hard disc di alcuni computer anche insistenti negli uffici comunali.

Informazioni su Redazione

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

*