Home / Se te lo fossi perso / Cronaca / Mafia, droga e affari, ‘ndrine calabresi, clan palermitani e picciotti siracusani: 25 gli arrestati

Mafia, droga e affari, ‘ndrine calabresi, clan palermitani e picciotti siracusani: 25 gli arrestati

Stamane a Catania un’operazione antidroga della Squadra Mobile nei confronti di commercianti e spacciatori di droga che operano in diversi quartieri di Catania e nella provincia e che avrebbero collegamenti con le ‘ndrine calabresi e con gruppi di lavoro palermitani e siracusani. Gli uomini della squadra mobile della Questura di Catania, su delega della Procura Distrettuale, hanno eseguito 25 arresti in Sicilia e Calabria. Gli investigatori hanno potuto vedere all’opera uno dei più agguerriti gruppi di narcotrafficanti di stupefacenti che giungeva a Catania per finire anche nel mercato di Palermo e in quello di Siracusa, direttamente dal territorio di Gioia Tauro e Cosentino.

Tra gli arrestati due donne e due le persone che sono riuscite a sfuggire all’arresto. Sette ordinanze di custodia cautelare sono state emesse nei confronti di altrettanti detenuti per altre cause. Otto persone poste agli arresti domiciliari. Il provvedimento ha riguardato Simone Guglielmino, 24 anni; Antonino Ivano Santangelo, 28 anni; Domenico Cristian Santonocito, 29 anni; Nunzio Davide Scrivano, 31 anni; Giuseppe Treccarichi Scauzzo, 52 anni; Francesco Pellegriti, 58 anni; Consolato Salvatore Coppola, 49 anni; Pietro Privitera, 39 anni, tratto in arresto a Messina; Francesco Troina, 46 anni; Giuseppe Cacciola, 31 anni; Gregorio Cacciola, 59 anni Giuseppe Elia Giosafatte , 43 anni, detto “Pinu Elia”; Pasquale Francavilla, 42 anni; Marco Perna, 43 anni, preso a Cosenza; Filippo Beninato, 27 anni; Daniele Mirco Pucci, 33 anni, arrestato a Cosenza;Mattea Barbera, 44 anni, per la quale sono stati disposti i domiciliari; come per Ramona Santa Boncaldo, 26 anni, Gabriele Lo Pinto, 34 anni, Rocco Tutone, 39 anni; Manuel D’Antoni, 29 anni, Fabio Comito, 38 anni; Onofrio Lo Nigro, 44 anni, presi a Palermo. Le indagini continuano a largo raggio nel territorio siciliano e calabrese.

C.A.

 

Informazioni su Redazione

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

*