Home / Se te lo fossi perso / Ambiente / Melilli, grosso incendio a ridosso della zona industriale (foto)

Melilli, grosso incendio a ridosso della zona industriale (foto)

Vigili del fuoco in azione questa mattina nella zona di contrada Bagali, nel territorio a Nord del comune di Melilli. L’alta temperatura e il vento hanno alimentato le fiamme, che hanno divorato la distesa di sterpaglie. Le fiamme hanno lambito anche i depositi di carburanti di uno dei tanti stabilimenti che insistono nell’area.

I residenti di contrada Bagali hanno più volte segnalato al sindaco di Melilli e alla Prefettura il problema dei terreni incolti ma anche dei cumuli di rifiuti stoccati in alcune discariche che operano in tutta la zona. “Abbiamo numerose volte chiesto – dice Carmelo Marchese, rappresentante del comitato di residenti – che, nel rispetto delle norme, siano ripulite le aree a ridosso degli stabilimenti del petrolchimico e delle discariche che operano nell’area da Cisma ad Aprile a Sicula Compost e degli altri terreni incolti. Purtroppo, non ci risulta che queste aree siano state ripulite e, come ogni anno, si ripropone il problema degli incendi e della sicurezza per le nostre abitazioni. Vorrei ricordare che in questa zona c’è un deposito di zolfo, che due anni fa s’incendiò provocando problemi seri all’incolumità delle cittadine di Priolo e Melilli. Anche qui, nonostante tutte le raccomandazioni, si ripropone il problema della mancata pulizia dei terreni incolti”.

L’incendio di questa mattina è stato domato dall’intervento di una squadra dei vigili del fuoco ma il problema permane, come lo stesso sindaco di Melilli ha fatto notare qualche giorno fa con il vasto incendio che ha interessato diversi terreni e che ha sfiorato la parte a nord della cittadina industriale. Le forze dell’ordine hanno dovuto bloccare la strada statale 114 per evitare qualsiasi rischio di coinvolgimento degli automobilisti mentre dall’alto è dovuto intervenire un elicottero.

Informazioni su Redazione

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

*

RSS
Follow by Email
YouTube