Warning: Declaration of tie_mega_menu_walker::start_el(&$output, $item, $depth, $args, $id = 0) should be compatible with Walker_Nav_Menu::start_el(&$output, $data_object, $depth = 0, $args = NULL, $current_object_id = 0) in /web/htdocs/www.srlive.it/home/wp-content/themes/jarida/functions/theme-functions.php on line 1904
Nate le prime tartarughe marine a Lido di NotoSiracusaLive | SRlive.it
Home / Se te lo fossi perso / Ambiente / Nate le prime tartarughe marine a Lido di Noto

Nate le prime tartarughe marine a Lido di Noto

“Giorno 16 luglio 2017, alle ore 00.25 avevamo assistito alla risalita di una tartaruga marina “Caretta caretta” nell’arenile di Lido di Noto (prima scaletta), seguendone a debita distanza, in modo da non spaventare l’animale, le operazioni di risalita, scavo, deposizione e copertura del nido e ritorno in mare. Alle ore 2,45 si era provveduto a recintare e segnalare il nido, in modo da evitare ai mezzi meccanici che all’alba puliscono la spiaggia, di danneggiarlo”. Questo il racconto emozionato dei testimoni di quel miracolo della natura che si chiama principio della conservazione di una specie e che sappiamo, nel caso della tartaruga marina Caretta Caretta, essere fortemente a rischio. Grazie all’incessante lavoro dei volontari del WWF OA Val di Noto, del Club 4×4 Val di Noto e di

Legambiente Noto, da ieri notte è avvenuta la schiusa delle uova depositate sotto la sabbia. “Dalle ore 3.00 circa, abbiamo assistito con gioia alla fuoriuscita delle prime dieci tartarughine, seguite da
altre due in mattinata, verso le ore 7.00. Almeno 20 tartarughine (ma si pensa che la covata sia di circa 100/120 uova) hanno fatto capolino dalla
sabbia, dirigendosi velocemente verso il mare”. Il tutto è avvenuto sotto l’occhio attento e amorevole dei volontari che presidiano da 57 giorni lo spazio di arenile che è stato opportunamente protetto e recintato.
Attraverso lo speciale “corridoio” appositamente creato, le tartarughe hanno potuto raggiungere il mare. L’intervento dei volontari, la regolamentazione della balneazione, la cura e la salvaguardia costante dei
luoghi, hanno garantito il ripetersi di un evento così straordinario come la visita di una specie minacciata di estinzione, senza avere sottratto al turismo l’incantevole mare di Noto, anzi donandole sicuramente un valore aggiunto e che, per chi ha avuto la fortuna di esserci, difficilmente dimenticheranno.
 
E. V.
 
Foto Salvo Salemi

Informazioni su Redazione

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

*

RSS
Follow by Email
YouTube