Google+

Nomina nuovo Cda Ias: possibile conflitto d’interessi per i tre dirigenti regionali e la Brundo

di Redazione

Il confitto d’interessi, e quindi d’incompatibilità, è stato denunciato qualche giorno fa dal deputato regionale Giovanni Cafeo; intervenuto con toni forti di accusa verso il governo Musumeci. Secondo il suo dire sarebbe stata una nomina anomala quella dei componenti in rappresentanza della parte pubblica del nuovo Cda dell’Ias di Priolo, e la nomina del presidente del Consiglio sindacale, per i riflessi di natura politica, amministrativa e giuridica.

Il conflitto d’interessi del caso indica una condizione in cui un soggetto al quale viene affidata una forte responsabilità decisionale è al tempo stesso titolare di interessi, siano essi di natura personale o professionale, che rischiano di compromettere l’imparzialità che invece lo stesso è tenuto a garantire.

Ecco l’intervento del deputato regionale, Cafeo, in una nota diffusa alla stampa, che scrive: “Continua lo stato confusionale del Governo Musumeci in merito alle tematiche industriali, confermato sia dall’atteggiamento superficiale e arrogante nei confronti del Piano dell’Aria sia, recentemente, sulla governance di un ente strategico come l’Ias di Priolo Gargallo”.

“Stupisce molto la nomina nel consiglio d’amministrazione di ben tre dirigenti regionali – continua l’Onorevole Cafeo – certamente non privi di impegni pregressi a cui dovranno aggiungersi le responsabilità di un ente che vive comunque un momento delicato, con l’attenzione costante della Procura per il mantenimento delle prescrizioni imposte”.

“Altro caso quanto meno anomalo è lo spostamento dell’ex presidente Patrizia Brundo a capo del collegio sindacale – prosegue l’On. Cafeo – situazione che determina un passaggio di ruolo da controllato a controllore non trasparente, specie perché almeno nelle prime fasi sarà la stessa Brundo a dover verificare l’operato di quanto da lei realizzato nei mesi precedenti”.

“Considerate queste premesse – continua Cafeo – non può che essere confermato un atteggiamento di duplice arroganza da parte del Governo Regionale, verso l’intero settore industriale innanzitutto, ma anche verso il territorio siracusano in particolare; non è da escludere infine un assetto provvisorio dato da una momentanea inapplicabilità del manuale Cencelli da parte del centrodestra, privo di nomi da segnalare per il Cda della società consortile”.

“Se si considera Ias un semplice poltronificio per accontentare gli “amici” e non un asset strategico come invece dovrebbe essere – conclude l’On. Cafeo – non si possono certamente accusare i soci privati di avere un atteggiamento diffidente verso la Regione, ampiamente giustificato alla luce dei fatti dalle discutibili decisioni assunte”.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

*