Home / Se te lo fossi perso / Politica / Noto, al Consiglio comunale tengono banco gli interventi dei consiglieri

Noto, al Consiglio comunale tengono banco gli interventi dei consiglieri

Seduta di consiglio comunale ricca di punti all’ordine del giorno, nove dei quali si riferivano a debiti fuori bilancio, tutti approvati con i “sì” della maggioranza, 11 presenti in aula,e l’astensione di Pintaldi,Rosa e Rizza; ritirato dall’amministrazione (presente con il Vice Sindaco Frasca e gli Assessori Andolina e Solerte) il punto relativo all’approvazione di variante allo strumento urbanistico per i lavori di costruzione di una struttura ricreativa/ricettiva-alberghiera sita in via Napoli. “Ritiriamo l’atto per approfondimenti” ha spiegato il Vice Sindaco Corrado Frasca, che è anche intervenuto in tutte le questioni sollevate in fase preliminare da alcuni Consiglieri Comunali, cuore del dibattito ieri sera del Civico Consesso, altrimenti liquidato in poco tempo.

A prendere la parola per primi sono stati i consiglieri d’opposizione Rosa e Pintaldi con richieste di chiarimenti in merito agli affitti che il Comune paga, all’asilo nido comunale, e al recente viaggio a Bruxelles di alcuni colleghi. Come noto di recente molti degli uffici comunali, prima ubicati in varie zone della città, sono stati trasferiti nell’ex Palazzo dell’Inps. “E’ innegabile il risparmio sia in tema di affitti che di efficienza nella risposta data al cittadino che in un unico luogo trova quanto serve alla propria attività professionale e a quelle personali. Ricordo che l’ex Caserma dei Carabinieri è di proprietà della Provincia, e i locali del Centro Anziani, invece, sono dell’Asp. Abbiamo soltanto affittato un locale, a fianco al palazzo, perché sia il front office con il cittadino”.

Ha chiarito l’Assessore Frasca che ha risposto anche sulla delicata questione dell’asilo nido. “Premetto che riconosco l’importanza che questo servizio è per la Città, ed il successo che ha avuto per l’utenza – ha esordito il consigliere Pietro Rosa-. Ma l’asilo nido è destinato a chiudere l’ultimo giorno del prossimo mese a causa delle lungaggini burocratiche che non sono riuscite a far partire il bando per il secondo riparto. So bene che il servizio dipende dal Distretto Socio Sanitario e non do responsabilità a questa Amministrazione, però qualcosa come Comune di Noto va fatta. L’unica strada percorribile al momento è quella di far proseguire il servizio dall’1 maggio al 30 giugno con un impegno di spesa a carico del nostro Ente”. Questione argomentata sul delicato aspetto dell’assistenza ai più piccoli ma anche al lavoro per i professionisti impegnati nella struttura ed a cui l’Assessore Frasca ha assicurato il massimo impegno del Sindaco. “Proprio stamane si è dedicato al problema e contiamo di illustrare presto una proposta in grado di far si che il servizio non venga interrotto, in attesa degli espletamenti burocratici necessari”. Con il consigliere Corrado Cultrera si è tornati invece su un atto approvato nella scorsa seduta di Consiglio Comunale relativa al conferimento della cittadinanza onoraria al giornalista e scrittore Corrado Stajano. “Già dalle riunioni in Commissione avevo espresso parere negativo a questo conferimento. Sono stato molto d’accordo nei precedenti atti, ultimo in ordine di tempo quello del Principe Alberto di Monaco; ma in questo caso io dichiaro fin d’ora che non sarò presente.

Ed è una mia posizione assolutamente personale, che confermo stasera”. Una posizione chiara, netta seguita dai commenti del consigliere Valvo: “Una personalità di altissimo spessore che dovrebbe trovarci tutti d’accordo; perché lo stesso Stajano in più occasioni ( ha parlato della nostra Città anche in un libro ), ha ricordato le origini netine del padre, non nascondendo un legame verso Noto”. Quello dell’Assessore Frasca: “Corrado Stajano è uomo di grandissima cultura e le sue origini danno lustro alla nostra città, oltre alla possibilità di tessere rapporti importanti”. Anche il consigliere Rosa per la coalizione “Bene Comune” è intervenuto ma riservando il commento dopo una verifica interna con il gruppo. L’esternazione del consigliere Cultrera, su un tema che può apparire secondario, è stata affrontata anche dal Sindaco Corrado Bonfanti, nonpresente in aula ieri sera: “Da quanto riferitomi, le dichiarazioni del Consigliere Cultrera sono del tutto personali e niente hanno a che fare con la concessione della cittadinanza onoraria, all’unanimità, riconosciuta ad un figlio di Noto, scrittore e giornalista di indiscussa fama internazionale e vanto per la nostra Sicilia. Speriamo che il prossimo 10 aprile, in occasione della consegna formale della cittadinanza, sia per tutti un giorno di festa, da ricordare tra i più belli e significativi degli ultimi anni”.
 
Emanuela Volcan

Informazioni su Redazione

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

*