Warning: Declaration of tie_mega_menu_walker::start_el(&$output, $item, $depth, $args, $id = 0) should be compatible with Walker_Nav_Menu::start_el(&$output, $data_object, $depth = 0, $args = NULL, $current_object_id = 0) in /web/htdocs/www.srlive.it/home/wp-content/themes/jarida/functions/theme-functions.php on line 1904
Noto, alla Villa Romana del Tellaro con la cultura “si mangia”SiracusaLive | SRlive.it
Home / Cultura / Noto, alla Villa Romana del Tellaro con la cultura “si mangia”

Noto, alla Villa Romana del Tellaro con la cultura “si mangia”

Un grande successo, tantissimi i partecipanti e gli organizzatori “costretti” ad aumentare gli appuntamenti che si fanno sempre più frequenti. Così anche domani, sabato 27 agosto, alla Villa del Tellaro si terrà la visita e l’aperitivo degustazione con pietanze preparate secondo le ricette dell’antica Roma, start ore 17. “Il cibo nelle sue infinite coniugazioni è ormai universalmente riconosciuto come “Cultura” – ci spiegano gli organizzatori-. Alla Villa Romana del Tellaro di Noto, prosegue con grande successo l’esperienza di ricerca e degustazione dei cibi dell’antica Roma. Un’esperienza speciale abbinando una visita ai mosaici con la degustazione di una selezione accurata di piatti dell’antica Roma estratte dai ricettari di Apicio, a cui si è giunti con un’accurata selezione delle materie prime e soprattutto delle erbe che conferiscono ai cibi profumi e sfumature di gusto che fanno viaggiare nel tempo”.

L’esperienza rientra in un unico pacchetto con prenotazione obbligatoria e con numero limitato di partecipanti. La visita drammatizzata avrà inizio sabato alle ore 17,00 e si concluderà con la degustazione delle pietanze degli antichi romani presso l’Azienda didattica Villa del Tellaro, con un costo di € 12.00 a persona, gratuito per il bimbi fino a 8 anni. Per ulteriori informazioni e prenotazioni chiamare InfoPoint Noto 339 4816218. La Villa del Tellaro con i suoi straordinari mosaici fra i più belli al mondo, insieme alla Villa di Patti e di Piazza Armerina, costituisce una delle più importanti testimonianze museali dell’età romana tardo imperiale in Sicilia, in cui la classe senatoriale romana acquista importanti estensioni di terre ricostituendo il latifondo di cui le Ville costituiscono il fulcro amministrativo e produttivo.

Informazioni su Redazione

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

*