Home / Se te lo fossi perso / Cronaca / Noto, ancora un successo per il progetto “Briciole di Salute”

Noto, ancora un successo per il progetto “Briciole di Salute”

Il progetto “Briciole in Salute”, che fornisce aiuti per la prima infanzia ai bambini da zero a tre anni, è iniziato nel mese di giugno nella Diocesi di Noto. Già la visita a Noto del 4 agosto di S.A.R. la Principessa Beatrice di Borbone delle Due Sicilie, Gran Prefetto del Sacro Militare Ordine Costantiniano di S. Giorgio, che prima aveva incontrato il Vescovo della Diocesi, S.E. rev.mo Mons. Antonio Staglianò, e poi partecipato al Solenne Pontificale in Duomo presieduto dallo stesso Vescovo, aveva suggellato la collaborazione tra delegazione Sicilia e Diocesi di Noto. Oggi il delegato vicario per la Sicilia, Nobile dott. Antonio di Janni Cav. Gr.Cr. di Grazia, con il cavalier Leonardo Mirandola, responsabile di Siracusa, hanno consegnato un furgone colmo di prodotti alimentari che basteranno per circa un mese. Sono stati anche consegnati vestiti e scarpe per i piccoli. Il delegato vicario è stato accolto da Fratel Rino responsabile della mensa di S. Corrado della Caritas di Noto e dai volontari della mensa che hanno aiutato a scaricare latte, omogeneizzati, pasta, biscotti, zucchero e tanto altro ancora. Tutti i presenti, bambini compresi, hanno inviato i loro saluti alla Principessa Beatrice che quel 4 agosto che ha servito a tavola con i cavalieri costantiniani i pasti caldi ai bambini e adulti presenti lasciando un ricordo indelebile nei loro cuori.

Ecco uno dei tanti esempi che si possono annoverare nella definizione corrente di azione volontaria e dalla spontaneità del gesto reale. Il riscontro profondo è dato dalla non remunerativa condizione delle prestazioni e dal beneficio arrecato al prossimo quale elemento fondante della società contemporanea in un’epoca che nega la verità incontrovertibile della realtà dei fatti, specie quando il mondo si chiude inanellato nell’individualità diffusa, preferendo l’altruismo profondo e non di facciata. Il gesto gratuito nasce da una motivazione interiore intrinseca e davvero libera nel senso più profondo della regola latina; il gesto è caratterizzato dall’azione spontanea, volontaria, dalla bontà dell’anima, secondo i dettami semplici del Vangelo.

Concetto Alota

Informazioni su Redazione

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

*