Home / Se te lo fossi perso / Politica / Noto, approvato il conto consuntivo dell’Aspecon

Noto, approvato il conto consuntivo dell’Aspecon

Con 10 si ( Sessa, Tardonato, Pennavaria, Mauceri, Valvo, Amaddio, Burgaretta, Frasca, Campisi e Tiralongo) 1 no (Veneziano) e 3 astenuti (Pintaldi, Bosco e Ferrero) è stato ieri sera approvato in Consiglio Comunale il Conto Consuntivo dell’Aspecon. Dopo l’ampio dibattito sulla vicenda dei lavori al costruendo parcheggio adiacente la villa comunale, bloccati perchè avviati senza le dovute autorizzazioni, il Consigliere Veneziano aveva richiesto il prelievo dell’ottavo ed ultimo punto all’ordine del giorno, votato all’unanimità e dunque discusso prima dei sei debiti fuori bilancio (tutti approvati, a fine seduta intorno alle 21,30, all’unanimità dei presenti, rimasti in 11, ad eccezione di uno, precisamente quello relativo al punto 6 dell’ordine del giorno dove il consigliere Ferrero si è astenuto).
Assente il Presidente Corrado Figura, a dirigere la seduta è stato il suo vice, Giovanni Campisi, apprezzato, per lo stile e la chiarezza, dai colleghi e dall’Amministrazione, ieri presente in formazione completa. Il Sindaco, prelevato il punto sull’Aspecon, ha preso subito la parola illustrando, più che il Conto consuntivo, la programmazione ( presto arriveranno le bollette dell’acqua relative al primo semestre del 2016 e nei casi in cui supereranno la cifra di 200 euro è previsto un frazionamento ) e le nuove disposizioni di legge. Un intervento lungo e chiarificatore, che ha spaziato ed è tornato sulle vicende della scorsa estate che hanno visto il Sindaco di Noto controcorrente, da “disubbidiente” (ed i fatti gli hanno dato ampiamente ragione) e che ha permesso il ritorno dell’acqua alla gestione comunale. Sono tante le criticità che vanno affrontate, dalla rete che necessità di seri interventi di manodopera, alla questione depuratore di Calabernardo e così via, e per i quali il Sindaco ha chiesto l’approvazione del conto consuntivo della municipalizzata. A questo intervento sono seguiti quelli dei consiglieri Veneziano e Bosco, come dichiarazione di voto. “Un bilancio che si sostiene su previsioni di incasso non può farmi rispondere positivamente al suo appello. A questi numeri non possiamo dare un seguito positivo”. Ha dichiarato Salvo Veneziano. “Mi è piaciuta molto la prima parte dell’intervento, ma se per l’Aspecon possono esserci prospettive di grande crescita con il coivolgimento nella gestione dell’acqua anche per gli altri Comuni, allora dobbiamo immaginare e pretendere un CdA all’altezza. Inoltre se esistono crediti
inesigibili perchè metterli nel bilancio? Io mi astengo e aspetto”. Poi il voto con l’esito già illustrato. Infine per tornare alla prima parte della seduta dove, come detto è stato affrontata e sviscerata, dal punto di vista sia dell’Amministrazione che del Consiglio Comunale con gli interventi dei consiglieri Veneziano, Bosco e Tiralongo, Presidente della III Commissione, la questione dei lavori al parcheggio con sequestro dell’area e denuncia per il rappresentante legale della società che stava realizzando la struttura; e sono due le cose che vorremmo evidenziare. L’appello del Consigliere Bosco, approfittando del fatto che in aula ci fossero tanti cittadini, in riferimento alla prossima campagna elettorale. “Vorrei tanto che
chi intende presentarsi alle prossime elezioni si proponesse alla città portando avanti ed illustrando le proprie idee e non denigrando il lavoro altrui. Non avveleniamo il clima perchè si fa danno prima alla città a cui tutti, invece, dovremmo pensare come bene primario”. Anche il Sindaco su questa scia ha parlato di “non dare assist a chi ci vuole male” riferendosi a quanti sulle vicende della città prendono spunto per tentare di danneggiarla su più fronti. Il suo intervento, ed è questo l’altro aspetto che vorremmo sottolineare, è entrato nella storia di quell’area per la quale esiste un rapporto tra pubblico e privato che risale al 1997; inoltre tutta la vicenda potrebbe risolversi o con il rilascio delle autorizzazioni o con una multa per aver agito senza di esse. Questo quanto affermato dal Primo Cittadino in sede di Consiglio, consiglio comunale che, intanto, tornerà a riunirsi mercoledì prossimo, 9 settembre, in seduta ordinaria alle ore 17, con 4 punti all’ordine del giorno, tra cui il Conto Consuntivo anno 2014 e modifica al regolamento per l’applicazione della tassa dei rifiuti (Tari).
Emanuela Volcan

Informazioni su Redazione

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

*