Home / Se te lo fossi perso / Politica / Noto, il documento programmatico del circolo del Pd, area Dem

Noto, il documento programmatico del circolo del Pd, area Dem

“L’Area Dem/Renziana, nel fermo convincimento di offrire il proprio contributo socio-politico alla Città, intende sottolineare in termini propositivi e costruttivi le linee guida per una performance dei progetti e programmi che questa Amministrazione e la sua maggioranza, di cui fa parte, si propongono di realizzare”. Questo l’incipit del comunicato stampa che è stato divulgato e che letto, sottoscritto e confermato dalla componente Dem del Partito Democratico, vuole essere documento di sintesi, aperto ad eventuali future integrazioni. Ma probabilmente vorrebbe divenire il manifesto pubblico di una parte del PD, in linea con quanto avviene a livello nazionale, che spesso e sovente non si riconosce con l’altra anima del partito. Il comunicato, infatti,così prosegue: “Con questo spirito gli iscritti intendono, quindi, contribuire alla realizzazione di un percorso unitario volto al bene della Città e del Pubblico interesse, in modo da rivestire un ruolo di coprotagonista nelle decisioni della Amministrazione del Bonfanti bis, in ordine ad alcune specifiche tematiche e ad alcune criticità di cui soffre la Città, ancorché emergente in termini di sviluppo culturale e turistico”. E qui, importante ruolo viene assunto dalla Consigliere comunale Paola Terranova quale rappresentante di quest’area e dunque, anche in aula, interprete totale di queste idee e dei modi come applicarle alla realtà della città di Noto. “Si ritiene opportuno approfondire -è spiegato nel comunicato-: le procedure e le prassi di buon governo relativo al P.R.G. con attenzione al riuso del centro storico, all’adozione dei piani particolareggiati, all’attuazione del piano spiagge e del piano di protezione civica; sostenere ed agevolare l’attività formativa delle scuole della città di ogni ordine e grado, collaborando a progetti comuni di educazione civica, di educazione alla democrazia e alla conoscenza dei diritti e dei doveri; coinvolgere le scuole e le università in attività di stage in modo da favorire l’avvio di un processo diretto di collegamento e sbocco dalla scuola al mondo del lavoro; favorire coordinare e sviluppare le attività sportive di giovani e meno giovani, non privilegiandone alcune a discapito delle altre  per consentire a tutti di potere accedere ai servizi ed alle attrezzature comunali; diffondere una cultura di parità e pari opportunità, proponendo la realizzazione di progetti finalizzati, da un lato, al superamento degli stereotipi culturali ancora fortemente radicati nella nostra società, e dall’altro alla valorizzazione delle differenze tra i due generi; favorire ed incentivare le azioni solidali nei confronti dei cittadini meno abbienti; pensare alla riorganizzazione burocratica del Comune anche alla luce del Decreto Madia ( riforma della Pubblica Amministrazione); revisionare l’attuale Nucleo di Valutazione e di Controllo che, allo stato, sembra non avere raggiunto soddisfacenti risultati  in termini di performance e di produttività dei dirigenti ed impiegati comunali; lotta all’abusivismo edilizio; tutela dell’ambiente e del territorio costiero; regolamentare l’ordine pubblico (flusso caotico degli ambulanti presso la Villa Comunale e zone ad essa limotrofe, Viale Marconi ); intervenire per apportare una maggiore connessione tra i servizi socio assistenziali e socio-sanitari così come in previsione e prossimi alla decretazione da parte  dell’Assessorato Regionale della Famiglia e quello della Salute; attenzionare la rete ospedaliera che riguarda l’Ospedale unico di Avola/Noto con la implementazione dei posti letto; potenziare e sviluppare il Presidio Territoriale di Assistenza ( P.T.A.) e della rete ambulatoriale specialistica ad oggi insufficiente rispetto alla domanda/offerta sanitaria; attenzionare il decoro urbano e l’attuazione organica del Piano Commerciale; attenzionare il Piano del traffico urbano e la viabilità al fine di eliminare le oggettive difficoltà in entrata ed uscita dalla Città da parte di autoveicoli, anche in conformità alle prescrizioni del nuovo redigendo PRG; favorire ed incentivare l’imprenditoria giovanile”. Non sono poche le cose da fare e non è indifferente l’impegno sul territorio che parte dal gruppo e si sostanzia all’interno del Consiglio Comunale sui problemi della Città e sui dibattiti d’ampio raggio. A tal proposito il prossimo lunedi, 24 ottobre, in sala Gagliardi ci sarà un incontro sui temi del referendum di dicembre con la partecipazione di importanti relatori tra giuristi e politici.

E.V.

Informazioni su Redazione

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

*