Warning: Declaration of tie_mega_menu_walker::start_el(&$output, $item, $depth, $args, $id = 0) should be compatible with Walker_Nav_Menu::start_el(&$output, $data_object, $depth = 0, $args = NULL, $current_object_id = 0) in /web/htdocs/www.srlive.it/home/wp-content/themes/jarida/functions/theme-functions.php on line 1904
Noto, ex precari: chiesta seduta straordinaria del Consiglio comunaleSiracusaLive | SRlive.it
Home / Se te lo fossi perso / Attualità / Noto, ex precari: chiesta seduta straordinaria del Consiglio comunale

Noto, ex precari: chiesta seduta straordinaria del Consiglio comunale

La richiesta al Presidente del Consiglio Comunale, Corrado Figura,  di convocare una seduta straordinaria ed aperta è stata protocollata e pubblicizzata dagli organi di informazione. L’ordine del giorno è quello relativo alla recente decisione della Giunta Bonfanti sulla situazione dei 131 ex precari del Comune. Proprio il Sindaco ha immediatamente replicato alla richiesta dei quattro consiglieri, Bosco, Veneziano, Cutrali e Trombatore e questi ultimi due oggi, nuovamente, prendono parola per contro replicare al primo cittadino: “Il senso della democrazia di Bonfanti è pari a zero. Tutto quello che è dissenso rispetto alla sue farneticazioni diventano strumentalizzazione. Sugli ex precari si smentisce nello stesso atto deliberativo di giunta che avrebbe dovuto dare le linee guida su questo argomento. Un atteggiamento ondivago quello di Bonfanti che ha prodotto paura e terrore tra i 131 lavoratori del comune. L’opposizione ha solo chiesto che si discuta in seduta aperta del consiglio comunale per coinvolgere le forze sociali e sindacali, quindi chiedendo massima trasparenza e partecipazione, il sindaco si infastidisce per la pluralità. A proposito delle “passarelle ” senti chi parla… Uno che passa tutto il tempo a a ricevere blasonati e Gran Duchi. Un invito: “Sindaco : scendi da quel piedistallo.. Perché sei un precario anche tu, e quella poltrona che occupi te l’hanno data quei padri di famiglia, non quei blasonati con cui ti pavoneggi!!! Chi in democrazia si sottrae al confronto o e’ in malafede o e’ affetto da delirio di onnipotenza e quindi convinto che metterlo in discussione e’ ” lesa maesta”. Bonfanti pensi a tutelare gli interessi dei lavoratori e dell’ente perché fino ad adesso ha pensato ad altro. Firmato Giuseppe Trombatore e Salvatore Cutrali.

Informazioni su Redazione

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

*