Home / Se te lo fossi perso / Attualità / Noto, firmata intesa per il progetto didattico “La Villa del Tellaro”

Noto, firmata intesa per il progetto didattico “La Villa del Tellaro”

Una bellissima  alla Villa Romana del Tellaro di Noto grazie all’omonimo progetto didattico ideato e promosso dall’Istituto d’Istruzione Superiore “Matteo Raeli”. Dinnanzi al Sindaco Corrado Bonfanti, all’Assessore Regionale Bruno Marziano ed ai massimi esponenti delle Forze dell’Ordine cittadine, è stata presentata  la nuova Guida della Villa del Tellaro, a cura del Raeli, ma soprattutto è stata posta la firma ad un protocollo d’intesa tra l’Istituto di Noto e la Soprintendenza ai Beni Culturali di Siracusa, nella persona della dottoressa Rosalba Panvini. È proprio il Dirigente Scolastico Concetto Veneziano ad illustrarne i contenuti, prima dell’apposizione della firma in calce: “Promozione di incontri e visite guidate presso le sedi istituzionali della Soprintendenza; predisposizione di visite presso i luoghi in cui si svolgono attività temporanee – cantieri e laboratori di restauro- a cura della Soprintendenza; utilizzo, preventivamente concordato, di spazi per iniziative condivise con la Scuola, come mostre e incontri su tematiche compatibili con le finalità istituzionali della Soprintendenza, mirate alla valorizzazione e conservazione dei beni culturali o che riguardano i temi dell’arte e della cultura in generale; programmazione di attività, a supporto dell’azione didattica e che coinvolgono il personale dell Soprintendenza, mirate all’approfondimento scientifico patrimonio storico-artistico locale, attraverso la ricerca e la consultazione del materiale documentario e libraio conservato nella Biblioteca, nel Catalogo e nella Fototeca della Soprintendenza, nella sede di Piazza Duomo, e anche mediante attività tecnico-pratiche e laboratoriali, con simulazione e/o analisi di restauri in corso nel Laboratorio di Restauro della Soprintendenza o in cantieri e laboratori di restauro – a cura della Soprintendenza; per finalità specifiche e curriculari o per la realizzazione di mostre e iniziative in collaborazione o condivise con la Soprintendenza”. Il protocollo giunge al culmine di un percorso iniziato nel 2008 come ricordato dalla professoressa Maria Volpe, docente di Storia dell’Arte alla Raeli. La mattinata è proseguita con la visita guidata del sito e del laboratorio didattico.
Emanuela Volcan 

Informazioni su Redazione

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

*