Home / Se te lo fossi perso / Spettacolo / Noto, in chiesa uno spettacolo sulla vita di Gesù

Noto, in chiesa uno spettacolo sulla vita di Gesù

Sarà la chiesa di Santa Caterina, luogo di per sè intimo e particolare, ad ospitare domani, mercoledì 1 aprile, lo spettacolo “Si chiamava Gesù” ideato e scritto da Emanuele Puglia, che lo dirige ed interpreta insieme con Carmela Buffa Calleo,
con brani tratti da “La buona novella” di Fabrizio De Andrè, rielaborate da Gianluca Cucchiara (parte vocale eseguita dal vivo) e liberamente ispirato da “Gesù figlio dell’uomo” di Gibran Kalin Gibran, scene e costumi Giuseppe Andolfo. Due le rappresentazioni alle ore 18 e alle ore 20,30. “È uno spettacolo emozionante da vedere ed ascoltare anche col cuore: non una glorificazione, non una celebrazione, né una rappresentazione sacra, ma una carrellata di testimonianze sul filo della musica e della poesia. – ci dice l’organizzatrice dell’evento che di fatto chiude la stagione “Notodinverno”, Aurora Miriam Scala- testimonianze su un uomo troppo debole e incerto per essere Dio
o un Dio troppo uomo per essere adorato!”. Un entusiasmo nel presentare questo spettacolo che nasce da molteplici stimoli artistici, culturali e professionali. “In sintesi, sono due le direttive principali attraverso le quali prende forma – prosegue Aurora Miriam Scala- la visione poetico-musicale, contemporanea, laica e pur sempre rispettosa della figura del Cristo di Fabrizio De Andrè e quella altrettanto poetica, spirituale ma non iconografica di un grande poeta e scrittore vicino al sentimento religioso quale è Gibran Kalin Gibran”. Emanuele Puglia, ideatore, scrittore, regista ed attore (a proposito lo ritroveremo a Noto nella stagione classica insieme con Pippo Pattavina ne “L’altalena”) starà sempre in scena con l’altrettanto talentuosa Carmela Buffa Calleo in una bella prova dove affronteranno tutti i personaggi con la recitazione e il canto. Insomma sicuramente uno spettacolo da non perdere domani mercoledì 1 aprile nella chiesa di Santa Caterina, per ulteriori informazioni invitiamo a visitare la pagina facebook “Si chiamava Gesù”.

Informazioni su Redazione

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

*