Warning: Declaration of tie_mega_menu_walker::start_el(&$output, $item, $depth, $args, $id = 0) should be compatible with Walker_Nav_Menu::start_el(&$output, $data_object, $depth = 0, $args = NULL, $current_object_id = 0) in /web/htdocs/www.srlive.it/home/wp-content/themes/jarida/functions/theme-functions.php on line 1904
Noto, la storia delle canzoni raccontata da MogolSiracusaLive | SRlive.it
Home / Primo Piano / Noto, la storia delle canzoni raccontata da Mogol

Noto, la storia delle canzoni raccontata da Mogol

“Mogol racconta Mogol”. Questo il titolo con cui nel calendario dell’estate di Noto, perla del barocco siciliano, entra uno dei più grandi autori della musica italiana, Giulio Alfredo Rapetti, che si esibirà il prossimo 11 agosto nel giardino d’estate della città siciliana, ripercorrendo con il pubblico la storia di canzoni che hanno contributo a costruire la memoria collettiva. Sarà un “racconto-concerto” in cui il più grande autore di musica italiana, accompagnato da una band allestita dal cantautore siracusano Ugo Mazzei, narrerà la sua storia e vari aneddoti della sua vita. Non ci sarà solo Battisti nella scaletta predisposta per la manifestazione, che beneficia del patrocinio dell’Amministrazione comunale di Noto. Accanto a celebri pezzi scritti per l’indimenticato cantautore reatino, come “Io vorrei, non vorrei, ma se vuoi”, “Una donna per amico” e “Ancora tu”, nella scaletta prevista per il prossimo 11 agosto compariranno anche grandi successi di Riccardo Cocciante, come “Celeste nostalgia” e “Un buco nel cuore”, e non mancheranno canzoni che Mogol ha scritto anche per Rino Gaetano e Bobby Solo. Una scelta ampia legata alla direzione artistica della scrittrice netina Mariagiovanna Mirano, che ha voluto fortemente fare omaggio alla propria città di una serata che certamente spicca nell’insieme della sua offerta estiva. “Una serata speciale – come tiene a sottolineare la Mirano – che vuole anche contribuire all’attività di rilancio e valorizzazione della cultura della città di Noto che, grazie alla sua storia e ai suoi bellissimi luoghi, è iniziata in questi anni, d’altra parte è solo un primo passo rispetto ad altri progetti culturali che abbiamo già in mente”. Alla manifestazione che celebra l’impegno artistico e culturale di Giulio Rapetti e la sua carriera sarà collegato anche un premio destinato a giovani compositori o band emergenti del panorama musicale siciliano, che prende il nome nella sua prima edizione di South Est Music Award e i cui dettagli saranno resi noti nelle prossime settimane.

Informazioni su Redazione

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

*