Home / Se te lo fossi perso / Attualità / Noto, Lucarelli, problemi e impegno del territorio, l’intervento di CNA

Noto, Lucarelli, problemi e impegno del territorio, l’intervento di CNA

“Abbiamo letto, ascoltato e riflettuto sull’intero dibattito che in questi giorni ha avuto come protagonista Noto e siamo consapevoli di quanto di vero ci sia nella protesta della nota influencer; il problema dei rifiuti in Sicilia è però un tema da troppo tempo irrisolto e non ha avuto movimenti risolutivi nonostante la buona percentuale di raccolta differenziata raggiunta da numerosi comuni del territorio”. 
Ad intervenire sono Gianpaolo Miceli e Salvo Vicari, rispettivamente vicesegretario provinciale di CNA Siracusa e presidente comunale di CNA Noto. 
“Si tratta evidentemente di una criticità che mette insieme il malcostume di una parte minoritaria degli abitanti e un’esigenza ormai non più rinviabile di investire su impianti evoluti di termovalorizzazione – spiegano i due esponenti di CNA – va poi messo subito in campo un rapido percorso di sviluppo degli impianti per dare un senso agli sforzi degli ultimi anni.” 
“Proprio questi sforzi non devono essere resi vani – proseguono Miceli e Vicari – perché è chiaro che la brutta avventura della Lucarelli nella struttura ricettiva non è minimamente la regola di accoglienza in un territorio che ha lavorato in questi anni per dare un’offerta adeguata alla crescita turistica non solo di Noto, ma di tutto il sud est siciliano, grazie a migliaia di piccoli operatori impegnati nella ricettività extra alberghiera, nella ristorazione, nella tradizione dolciaria ed artigianale oltre a quella agricola ed enogastronomica.”
“Sicuramente tutto è perfettibile – continuano Miceli e Vicari – ma se da un lato raccogliamo la sollecitazione veemente della nota blogger sulla gestione dei rifiuti, dall’altro lato non possiamo accettare che questa brutta esperienza diventi la rappresentazione di un’offerta turistica che ha fatto grandi progressi con tanti riconoscimenti ed ha legato proprio all’ “empatia”, sconosciuta purtroppo proprio nell’esperienza di Selvaggia Lucarelli, il proprio percorso di crescita.”
“CNA è testimone di questo difficile ma inevitabile percorso di crescita – concludono Miceli e Vicari – e continuerà a lavorare come sempre per lo sviluppo del territorio.”
G. Polito

Informazioni su Redazione

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

*

RSS
Follow by Email
YouTube