Home / Se te lo fossi perso / Attualità / Noto, Mercatino natalizio solidale della Cooperativa Oqdany 

Noto, Mercatino natalizio solidale della Cooperativa Oqdany 

E’ iniziato, nei locali accanto alla Basilica del Santissimo Salvatore di Noto, il Mercatino natalizio solidale ideato e promosso dalla C.E.OCooperativa Etica Oqdany, che quotidianamente si occupa di promozione di alcune delle più belle Chiese di Noto. L’iniziativa, che caratterizzerà tutti i weekend fino alla vigilia del Santo Natale, è inserita in un più ampio e ricco programma denominato “Venite Adoremus”, giunto alla sua VIII Edizione. Fede, Arte, Musica, Presepi e appunto il Mercatino Natalizio solidale, promossi dai soci della Cooperativa in collaborazione con la Basilica Cattedrale di San Nicolò, il Seminario vescovile di Noto, e la Diocesi di Noto(Ufficio diocesano per i Beni Culturali Ecclesiastici, Ufficio diocesano per la Pastorale al Turismo e Sport, Ufficio diocesano per l’Insegnamento della religione cattolica, Museo Diocesano). Proprio nella giornata inaugurale, lo scorso 8 dicembre Festività dell’Immacolata, promotori e partecipanti hanno ricevuto la visita dell‘Assessore al Turismo Giusy Solerte, e che nell’occasione ha dichiarato: “Sono rimasta piacevolmente sorpresa innanzitutto per il lavoro di squadra e il senso di collaborazione per far emergere il singolo talento. Ho trovato qui l’essenza di una proposta davvero interessante in una location eccezionale, che da ogni singolo angolo permette una visuale del nostro centro storico, unica ed invidiabile. Ciò mi conferma che mettere in rete privati, associazioni ed Enti pubblici, ed il Comune di Noto con la nostra Amministrazione si sta spendendo molto in questo senso, non può che raggiungere grandi risultati. Primo fra tutti quel processo di destagionalizzazione dell’offerta turistica a cui si lavora da anni. Inoltre creare molti più punti di ritrovo in cui vivere l’atmosfera natalizia e che vengano innanzitutto “goduti” dai nostri stessi concittadini , ora chiamati a condividere queste iniziative che valorizzano luoghi e maestranze tutte netine. Io cerco di essere sempre presente ad iniziative di questo genere -conclude l’Assessore Solerte- per dare concretamente il senso della assoluta apertura e condivisione di idee e progetti che mettano al centro l’eccellenza, qualunque sia la fonte di ispirazione e realizzazione.

L’obiettivo comune costituisce il volano di questa macchina organizzativa virtuosa, che cerca di far crescere nel segno della bellezza la nostra città, non solo dedicata ai turisti, ma attenta anche e soprattutto ai netini sia come autori che come fruitori”. Il Mercatino riaprià i battenti venerdi 15, sabato 16 e domenica 17, venerdì 22, sabato 23 e domenica 24, sia al mattino che di pomeriggio. Tornando al programma completo di Venite Adoremus ( 8 dicembre- 6 gennaio) ricordiamo  “Nativitas Domini” nel Museo diffuso, un itinerario museale guidato nelle chiese del centro storico di Noto con partenza dalla chiesa di San Domenico alle ore 11,00  e alle ore 18,00  a cura della guida turistica Corrado Crispino che dal 24 Dicembre al 6 Gennaio illustrerà la valenza storica artistica del centro storico e sul senso del natale attraverso le opere d’arte presenti nellechiese. Eccezionalmente nel periodo natalizio dal 24 dicembre, nell’ambito del percorso “le Vie del Sacro”  sarà possibile visitare in Vescovado la cappella privata del Vescovo. Il percorso è ad offerta libera e una parte sarà devoluta all’Associazione Pino Staglianó.  All’interno del seminario vescovile si visiterà la “Terrazza delle gelosie” dove, nelle stanze d’ingresso e nel terrazzo, sarà allestita la mostra “Oggetti d’arte” di Egidio Zuccarello,  Lucio Pintaldi Cettina Lauretta e dove, come detto, è stato aperto il mercatino come segno di rafforzamento e condivisione  dei gesti concreti del Progetto Policoro della Diocesi di Noto, che si avvale della collaborazione della Cooperativa Shaqed. Questo sodalizio, è stato parte del progetto “Cercatori di Lavoro: imparare dalle migliori pratiche del lavoro per il bene comune”. La Cooperativa ha aperto “La Porta di Elia”: un emporio solidale che, grazie al sostegno della Fondazione “Val di Noto” e della Fondazione “Madre Teresa di Calcutta”, favorisce l’integrazione sociale e l’inserimento lavorativo di un gruppo di disabili coinvolti nel Progetto Tobia, pensato, realizzato e gestito dalla stessa Cooperativa, mediante il quale  i ragazzi ) potenziano le autonomie possibili nella gestione della persona e della casa e producendo oggetti di artigianato esposti nell’emporio di via Nicolaci 8.

Inoltre la manifestazione coinvolgerà altri attori culturali: L’Associazione Petali d’Arte, con opere d’arte effimera con la tecnica del sale colorato nelle chiese di San Domenico e nella Basilica del SS. Salvatore. Il Maestro Andrea Talevi sta esponendo le sue opere nel nartece della Basilica del SS. Salvatore e il 6 Gennaio donerà in beneficenza una delle sue creazioni, che verrà sorteggiata alle ore 18,00. Il 27 Dicembre alle ore 21,00 si svolgerà il concerto “Venite Adoremus”, II edizione, a cura della Associazione Bandistica “Giovanni Belfiore” nell’Aula Magna del Seminario vescovile.

Emanuela Volcan

Nella foto l’Assessore al Turismo del Comune di Noto, Giusy Solerte con i protagonisti del Mercatino Natalizio Solidale

Informazioni su Redazione

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

*

RSS
Follow by Email
YouTube