Home / Se te lo fossi perso / Noto si prepara alle festività natalizie con iniziative firmate Oqdany

Noto si prepara alle festività natalizie con iniziative firmate Oqdany

La C.E.O Cooperativa Etica Oqdany, che quotidianamente si occupa di promozione di alcune delle più belle Chiese di Noto, in occasione delle prossime festività natalizie presenta la manifestazione “Venite Adoremus”, giunta alla sua VIII Edizione. Fede, Arte, Musica, Presepi e Mercatino Natalizio, in diversi momenti ideati ed organizzati dai soci della Cooperativa in collaborazione con la Basilica Cattedrale di San Nicolò, il Seminario vescovile di Noto, e la Diocesi di Noto(Ufficio diocesano per i Beni Culturali Ecclesiastici, Ufficio diocesano per la Pastorale al Turismo e Sport, Ufficio diocesano per l’Insegnamento della religione cattolica, Museo Diocesano). Un programma ricchissimo che farà immergere i visitatori, dall’8 Dicembre al 6 Gennaio, ad immergersi nell’atmosfera del Natale all’interno delle chiese del centro storico di Noto. In questi stupendi siti religiosi gli animatori dell’Associazione Oqdany accoglieranno e coinvolgeranno visitatori e turisti in un percorso di catechesi sul ciclo natalizio attraverso opere d’arte, mostre e presepi (Basilica SS. SalvatoreBasilica Cattedrale di San NicolòMuseo Diocesano,Vescovadochiesa di San Domenico e chiesa di Montevergini).

“In questa edizione, l’ottava,  si proporrà  “Nativitas Domini” nel Museo diffuso, un itinerario museale guidato nelle chiese del centro storico di Noto con partenza dalla chiesa di San Domenico alle ore 11,00  e alle ore 18,00  a cura della guida turistica Corrado Crispino che dal 24 Dicembre al 6 Gennaio sarà lieto di parlarvi della valenza storica artistica del centro storico e sul senso del natale attraverso le opere d’arte presenti nelle chiese (l’iniziativa è a pagamento, n.d.r.) – spiega il Presidente della Cooperativa Oqdany, Salvatore Celeste-. Eccezionalmente nel periodo natalizio dal 24 dicembre, nell’ambito del percorso “le Vie del Sacro”  sarà possibile visitare in Vescovado la cappella privata del Vescovo. Il percorso è ad offerta libera e una parte sarà devoluta all’Associazione Pino Staglianó.  All’interno del seminario vescovile si visiterà la “Terrazza delle gelosie” dove, nelle stanze d’ingresso e nel terrazzo, sarà allestita la mostra “Oggetti d’arte” di Egidio Zuccarello,  Lucio Pintaldi eCettina Lauretta  nei giorni 8-9-10-15-16-17-21-22-23-24 dicembre 2017 ( con apertura mattutina e pomeridiana) e ci sarà anche  “Il mercatino natalizio solidale”, che verrà inaugurato domani, 8 dicembre alle ore 10,30, e dove anche quest’anno come segno di rafforzamento e condivisione  dei gesti concreti del Progetto Policoro della Diocesi di Noto si avvale della collaborazione della Cooperativa Shaqed. Questo sodalizio, come noi, è stato parte del progetto “Cercatori di Lavoro: imparare dalle migliori pratiche del lavoro per il bene comune”. La Cooperativa ha aperto “La Porta di Elia”: un emporio solidale che, grazie al sostegno della Fondazione “Val di Noto” e della Fondazione “Madre Teresa di Calcutta”, favorisce l’integrazione sociale e l’inserimento lavorativo di un gruppo di disabili coinvolti nel Progetto Tobia, pensato, realizzato e gestito dalla stessa Cooperativa, mediante il quale  i ragazzi vivono insieme (dal lunedì al giovedì) potenziando le autonomie possibili nella gestione della persona e della casa e producendo oggetti di artigianato. L’emporio si trova in via Nicolaci 8″.

Inoltre la manifestazione coinvolgerà altri attori culturali: L’associazione Petali d’Arte, che realizzerà delle opere d’arte effimera con la tecnica del sale colorato nelle chiese di San Domenico e nella Basilica del SS Salvatore. Il Maestro Andrea Talevi esporrà le sue opere nel nartece della Basilica del SS. Salvatore e il 6 Gennaio donerà in beneficenza una delle sue creazioni, che verrà sorteggiata alle ore 18,00. Il 27 Dicembre alle ore 21,00 si svolgerà il concerto “Venite Adoremus”, II edizione, a cura della Associazione Bandistica “Giovanni Belfiore” nell’Aula Magna del Seminario vescovile.

Informazioni su Redazione

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

*