Home / Se te lo fossi perso / Attualità / Noto, un presepe di cioccolata per sostenere diocesi gemellata

Noto, un presepe di cioccolata per sostenere diocesi gemellata

Il Presepe, realizzato dal Maestro Aldo Puglisi interamente in cioccolato, che tanto successo ha riscosso durante la recente edizione di Chocomodica 2014, sarà esposto da venerdì prossimo, 19 dicembre, e fino al 6 gennaio 2015 nella Basilica Cattedrale di Noto. Il giorno dell’Epifania, poi, verrà sorteggiato fra quanti avranno acquistato un biglietto del costo di 1 euro. Ciò per poter raccogliere una somma in denaro, l’intero ricavato della vendita, da destinare alla Diocesi gemellata di Butembo – Beni per azioni umanitarie. Il Consorzio del Cioccolato e il Sindaco di Modica, città appartenente alla Diocesi, hanno assunto l’iniziativa che, apprezzata e condivisa dal Vescovo Antonio Stagliano, è stata affidata per la gestione alla Cattedrale di Noto. Un modo dolce ma che stimola l’azione del donare a cui sono chiamati tutti i fedeli, sensibilizzati da anni verso un popolo che versa in grande situazione di bisogno. Nel 1988, in occasione del XXV anniversario di episcopato monsignor Salvatore Nicolosi aveva pensato di devolvere tutti i doni ricevuti per una microrealizzione in una Chiesa locale del terzo mondo. Ma poiché erano maturi i tempi per un’apertura più concreta e visibile della Chiesa locale di Noto con le altre Chiese si  pensò ad un gemellaggio, un rapporto più intenso con un’altra Chiesa locale. Si sarebbe concretizzato così ciò che il Concilio auspicava quando diceva: «Sarà utilissimo mantenere i contatti, senza tuttavia trascurare l’opera missionaria universale, con i missionari che hanno avuto origine dalla comunità stessa, o con una parrocchia o con una diocesi di missione, perché la comunione tra le comunità diventi visibile e torni a vantaggio di una reciproca edificazione». Vista la positività e l’arricchimento scaturente dall’amicizia tra la parrocchia di Lukanga e la parrocchia di san Pietro in Modica,  monsignor Nicolosi invitò monsignor Emanuel Kataliko, allora vescovo di Butembo-Beni, a gemellare le due diocesi. La sigla ufficiale dell’atto del gemellaggio si tenne in cattedrale a Noto il 21 Aprile del 1988.

E.V.

Informazioni su Redazione

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

*