Home / Se te lo fossi perso / Ambiente / Noto, il Wwf protagonista alla “Melodia” per l’ora della Terra

Noto, il Wwf protagonista alla “Melodia” per l’ora della Terra

All’Istituto comprensivo “Giuseppe Melodia” di Noto si sono tenuti due momenti formativi, nella sede centrale di via Giordano Bruno e nel plesso “Don Bosco”, in collaborazione con il Wwf  OA Val di Noto. La giornata è stata promossa in occasione dell’evento internazionale “Earth hour 2016”: l’ora della Terra, prevista oggi sabato 19 marzo 2016 dalle ore 20,30, è la grande mobilitazione globale del WWF che, partendo dal gesto simbolico di spegnere le luci per un’ora, unisce cittadini, istituzioni e imprese in una comune volontà di dare al mondo un futuro sostenibile e vincere la sfida del cambiamento climatico.

Dalla prima edizione del 2007, che ha coinvolto la sola città di Sidney, la grande ola di buio si è rapidamente propagata in ogni angolo del Pianeta, lasciando al buio piazze, strade e monumenti simbolo come il Colosseo, Piazza Navona, il Cristo Redentore di Rio, la Torre Eiffel, Il Ponte sul Bosforo e tanti altri luoghi simbolo, per manifestare insieme contro i cambiamenti climatici. L’Istituto “Melodia”, diretto da Antonella Manganaro, dal 2009 aderisce a questa campagna di sensibilizzazione con diverse iniziative poste in essere per richiamare l’attenzione dei ragazzi sulle emergenze ambientali e sulle responsabilità legate alle scelte quotidiane.

L’intento è promuovere la partecipazione attiva dei giovani cittadini verso comportamenti socialmente sostenibili ispirati all’idea di corresponsabilità nella tutela dell’ambiente. La giornata, grazie agli interventi della giurista ambientale Emma Schembari e del Presidente del Wwf OA Val di Noto Giovanni Fugà, ha soprattutto trattato della questione relativa al consumo energetico, all’effetto serra, ai cambiamenti climatici. Da questo si è partiti per spiegare come piccole scelte e azioni quotidiane abbiano sempre un grande impatto ambientale e ricadute a livello globale; per concludere con le nuove strategie e la proposta di modelli di consumo alternativi e più efficienti”. Ottima la risposta degli alunni che hanno mostrato curiosità e interesse al tema.

E.V. 

Informazioni su Redazione

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

*