Home / News Covid19 / Nuovo Dpcm Natale 2020, probabile no agli spostamenti tra Regioni e scuole chiuse un altro mese

Nuovo Dpcm Natale 2020, probabile no agli spostamenti tra Regioni e scuole chiuse un altro mese

Il sistema di monitoraggio rimane impostato su tre fasce di rischio, finché il tavolo tra governo e Regioni non avrà messo a punto le modifiche. Il tema di cui Conte ha discusso con i capi delegazione è come dosare le nuove restrizioni, necessarie a scongiurare una nuova esplosione di contagi. Sulle perdite economiche che i nuovi divieti provocheranno, sindaci e governatori pretendono garanzie: soprattutto nelle restrizioni estere dove si chiede la chiusura delle frontiere nazionali per impedire la concorrenza di altri Paesi come Austria e Svizzera.

Per quanto riguarda il prossimo decreto, l’entrata in vigore sarà a inizio dicembre. Nelle ipotesi al vaglio di governo ed esperti del Cts, ci sarebbe anche quella di anticipare alle 21 il coprifuoco a Natale e Capodanno. Le preoccupazioni degli scienziati si focalizzano proprio sulla notte del 24 dicembre e su quella dell’ultimo giorno dell’anno, per i rischi di una maggiore diffusione del contagio legati alla tradizionale messa di mezzanotte alla vigilia di Natale e al veglione di fine anno.
Ma in discussione ci sono anche le regole e i “consigli” per la gestione di pranzi e cenoni e ristori per le attività dedicate principalmente al turismo invernale e che potranno aprire solo dopo le feste.

Quello che si sa, attualmente, è che i colori delle fasce di collocazione delle regioni rimarranno invariati e dunque la Sicilia dovrebbe rimanere in zona arancione.

Jessica Pisano

Informazioni su Jessica Pisano

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

*

RSS
Follow by Email
YouTube