Google+

Ospedale di Augusta, riattivata dopo 5 anni la centrale di sterilizzazione

Nell’ambito degli interventi di rifunzionalizzazione e potenziamento dell’offerta sanitaria dell’ospedale Muscatello di Augusta diventa realtà l’attivazione del nuovo servizio di sterilizzazione della strumentazione chirurgica sospeso nel 2014 e da allora trasferito all’ospedale di Lentini.

Con l’obiettivo di eliminare il disagio e al contempo abbattendo i costi dovuti al trasporto quotidiano dei ferri da un presidio ospedaliero all’altro, nell’ottica dell’efficientamento dei servizi, su determinazione della direzione strategica aziendale si è proceduto a partire dal mese di maggio all’adeguamento dei locali individuati per la centrale di sterilizzazione nel nuovo padiglione del presidio ospedaliero megarese rendendoli idonei sia dal punto di vista strutturale che organizzativo tecnologico alle disposizioni normative in materia.

Nei nuovi locali, sotto la direzione dell’Ufficio Tecnico aziendale, sono stati ultimati gli interventi della componente edilizia, impiantistica, elettrica, climatica e telematica. Eseguito il collaudo delle apparecchiature ed effettuata la formazione del personale, da domani la nuova centrale di sterilizzazione entrerà nel pieno della operatività.

“Si tratta di un importante obiettivo raggiunto ed un ulteriore segnale di attenzione nei confronti del presidio ospedaliero megarese e del territorio – dichiara il direttore generale dell’Asp di Siracusa Salvatore Lucio Ficarra –. Il suo potenziamento, fortemente sostenuto anche dalla Regione e dall’Assessorato della Salute, sta prevedendo importanti interventi di ristrutturazione di locali, istituzione di nuovi servizi e incremento di personale, tra questi, l’individuazione di una sede più adeguata e la dotazione di nuove apparecchiature per la piena funzionalità del Centro di riferimento regionale per le malattie derivanti dall’Amianto. Nei prossimi giorni, tra l’altro, sarà attivata la risonanza magnetica nucleare, la terza in provincia di Siracusa mentre una nuova tac, in sostituzione della precedente, è già entrata in funzione nell’aprile scorso”.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

*