Warning: Declaration of tie_mega_menu_walker::start_el(&$output, $item, $depth, $args, $id = 0) should be compatible with Walker_Nav_Menu::start_el(&$output, $data_object, $depth = 0, $args = NULL, $current_object_id = 0) in /web/htdocs/www.srlive.it/home/wp-content/themes/jarida/functions/theme-functions.php on line 1904
Ospedale di comunità a Pachino e una casa di comunità a PalazzoloSiracusaLive | SRlive.it
Home / Se te lo fossi perso / Politica / Ospedale di comunità a Pachino e una casa di comunità a Palazzolo

Ospedale di comunità a Pachino e una casa di comunità a Palazzolo

“Un ospedale di comunità a Pachino ed una casa di comunità per la zona montana”. È il risultato raggiunto dopo un incontro tra il deputato regionale della Lega, Giovanni Cafeo e l’assessore regionale alla Salute, Ruggero Razza, in merito al piano infrastrutturale della sanità nel Siracusano con i fondi del PNRR.

“Siamo riusciti – dice il parlamentare regionale della Lega, Giovanni Cafeo – ad ottenere una quota maggiore di risorse per il territorio siracusano, stornandole da quelle che erano previste per Catania. La situazione nella zona sud e montana della provincia richiedeva uno sforzo perché non si possono lasciare intere comunità senza assistenza; allo stesso tempo, siamo riusciti ad avere l’impegno del Governo regionale per incrementare la strumentazione sanitaria”.

Il deputato regionale della Lega ha ricordato all’assessore alla Salute le criticità emerse negli ultimi mesi a Pachino dove non esiste un servizio di assistenza medica notturna ed ora, dopo l’allarme lanciato dal sindaco, anche il Pte è a rischio per carenza di medici.

“La zona sud della provincia di Siracusa – continua l’On. Cafeo – è fortemente penalizzata, i pazienti di Pachino o Portopalo devono percorrere circa 40 km per arrivare all’ospedale di Avola. L’ospedale di comunità è un risultato importante perché aumenta l’offerta sanitaria, garantita da 20 posti letto, ed allo stesso tempo consente di alleggerire il peso sul Di Maria di Avola”.

“Anche la casa di comunità riservata alla zona montana – conclude l’On. Giovanni Cafeo – avrà una funzione fondamentale per evitare di sovraccaricare la rete ospedaliera. È fondamentale, sotto questo aspetto, promuovere la medicina territoriale, del resto la pandemia ha fatto emergere i limiti di una sanità centralizzata”.

Informazioni su Redazione

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

*

RSS
Follow by Email
YouTube