Home / Se te lo fossi perso / Cronaca / Pachino, incendiati quattro mezzi alla Dusty

Pachino, incendiati quattro mezzi alla Dusty

Attentato incendiario ai danni della società Dusty a Pachino. Alle ore 1.45, l’incendio all’interno di un’area recintata di pertinenza dell’azienda per la raccolta di rifiuti nel Comune di Pachino, sita in contrada Cozzi, ha reso necessario l’intervento della locale squadra dei Vigili del Fuoco Volontari, raggiunti, in seguito, anche dai Vigili del Fuoco del distaccamento di Noto; dopo aver reciso la catena che assicurava la chiusura del cancello di accesso, la squadra di soccorso ha subito localizzato l’incendio sotto una tettoia in ferro dove erano ricoverati tre autocompattatori, totalmente avvolti dalle fiamme; per l’estinzione del rogo è stato necessario far intervenire anche un’autobotte dalla sede centrale di Siracusa;

L’AMMINISTRATORE DELLA DUSTY: “DOMANI ARRIVANO NUOVI MEZZI”. L’Amministratore Unico della Dusty, Rossella Pezzino de Geronimo si è detta molto amareggiata per quanto accaduto e tiene a precisare che lo squallido ed inquietante episodio non colpisce solo l’Impresa, ma l’intera Città di Pachino. Rassicura comunque che sabato mattina l’autoparco sarà dotato di nuovi automezzi ed il servizio di igiene urbana riprenderà con il solito impegno che rende l’azienda da me rappresentata efficiente ed affidabile.

“Dusty negli ultimi due anni si è aggiudicata quattro nuove commesse – afferma l’amministratore unico – ed è inaudito che nell’ambito di ben tre di queste, abbia subìto danneggiamenti, incendi, furti, atti vandalici e tentativi di estorsione. In considerazione dell’ultimo increscioso evento, desidero lanciare un appello alle Istituzioni, affinché prendano atto di tali difficoltà oggettive, ci stiano a fianco e ci tutelino in quanto impegnati tutti i giorni, in prima linea, con uomini e mezzi, per svolgere un servizio di pubblica utilità e pertanto di primaria importanza per i cittadini”.

Informazioni su Redazione

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

*